Prescrizione cartelle e notifiche

Ho letto svariati post e volevo provare a riassumere per vedere se ho ben capito come funziona con la prescrizione delle cartelle esattoriali:
1 - la notifica della cartella non vale come novazione ma come atto interruttivo;
2 - la prescrizione della cartella segue quella del tributo a cui si riferisce;

allora cartelle regolarmente notificate nell'aprile 2006 che si riferiscono a contributi INPS non versati per l'anno 2004 a cui non sono seguite procedure esecutive (e alcun altro atto interruttivo) sono da considerarsi prescritti (la prescrizione contributi previdenziale è quinquennale). Capito bene?
Cosa diversa sarebbe stata se avvessero avviato pratiche esecutive come "le ganasce fiscali"? Giusto?
Grazie

Come hai ben detto, ne abbiamo ampiamente parlato in questo forum, la prescrizione della cartella esattoriale è decennale o segue la prescrizione del tributo? Il dilemma è irrisolto, come avrai notato l'interpretazione che la cartella continua a prescriversi in base al tributo, trova conforto in alcune sentenze anche di cassazione, ribadendo il principio che la cartella esattoriale non fa altro che far ripartire da zero i temini per la prescrizione che tuttavia rimangono legati al tributo. Dopo un'attenta valutazione, non resta altro che intraprendere la via del ricorso per farsi riconoscere tale interpretazione.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
prescrizione contributi inps
prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione per i contributi INPS dovuti e non versati
La prescrizione è un evento estintivo del diritto di versare/recuperare i contributi, legato al decorso di un periodo di tempo determinato dalla legge. Entro il termine di prescrizione i contributi non versati possono essere validamente: pagati con regolarizzazione da parte del datore di lavoro (lavoro dipendente), o del lavoratore stesso ...
Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...
IRPEF - dedurre i contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge è ammessa la deducibilità senza limiti di importo. È consentita la piena deducibilità anche dei contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza. Si tratta dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea, quelli versati per ...
Prescrizione della cartella esattoriale - esempi utili al consumatore
Il termine di prescrizione della cartella esattoriale è diverso a seconda del tipo di tributo oggetto dell'iscrizione a ruolo Come sappiamo, la cartella esattoriale è il mezzo con il quale i concessionari riscuotono, come intermediari, cifre relative a tasse, tributi, sanzioni etc. dovute allo Stato e ad enti pubblici, previdenziali ...
Prescrizione e decadenza dei crediti contributivi
In questo articolo si discute della prescrizione dei crediti contributivi, dei termini di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento e per la notifica della cartella esattoriale sempre in riferimento ai crediti contributivi. La Legge 335/95 (entrata in vigore il 17 agosto 1995) ha modificato i termini di prescrizione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca