Perchè il creditore tarda a notificarmi il precetto una volta ottenuto il decreto ingiuntivo?


Vorrei chiedere: essendomi arrivata un ingiunzione a marzo 2019, come mai ancora tarda il precetto? questo da un debito di circa 16000 ex Findomestic acquisito da Banca IFIS. In più vorrei raccontare che oltre ad avere una cessione e delega di circa 680, da giugno sono con stipendio al 50% per una vicenda personale che potrebbe (quasi sicuramente) far perdere il lavoro. cosa potrà fare il recupero crediti o meglio cosa mi aspetta dal futuro? ultima cosa, per essere esauriente, vivo in una casa che non è proprio mia, ma diciamo in successione(tipo possiedo una quota di 1/5 1/6):può essere “aggredita” in futuro?

Evidentemente, il creditore sta valutando quali beni del debitore aggredire: il prestito delega non incide sulla capienza di un pignoramento dello stipendio; la casa può essere aggredita (nonostante sia posseduta in quota) con pignoramento o iscrizione ipotecaria, anche se l’entità del debito in gioco e le complicanze che ne deriverebbero (con i comproprietari dell’immobile) non rendono economicamente conveniente l’avvio di un’azione esecutiva di tale tipo.

30 Ottobre 2020 · Loredana Pavolini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Perchè il creditore tarda a notificarmi il precetto una volta ottenuto il decreto ingiuntivo?