Possibile rivalsa su beni di mia madre per debiti esattoriali di mio padre


Se il regime adottato con il matrimonio è di comunione dei beni, AdER potrebbe disporre il fermo sui veicoli intestati al coniuge non debitore

Io, mamma e papà siamo conviventi, appartengo allo stesso nucleo familiare, i miei sono sposati in comunione dei beni, così mi hanno detto, ma non è sicuro al 100% e mio padre ha debiti con cassa professionisti e Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) per debiti iscritti a ruolo per un ammontare di 150 mila euro: lui ha solo una pensione di invalidità. Casa dove abitiamo intestata a me da parte del nonno paterno. Mia madre casalinga ha intestate (acquistate tramite finanziamenti accesi da me) due auto usate di modico valore e un c/c personale no cointestato.

Mi chiedo se possa essere disposto il fermo amministrativo dei mezzi intestati a mamma per debiti esattoriali di papà oppure un pignoramento del c/c di mamma e/o dei beni mobili alla residenza. Inoltre mia madre ha un pezzo di terra donato per via diretta da mio nonno materno.

Se il regime patrimoniale adottato con il matrimonio è di comunione dei beni, Agenzia delle Entrate Riscossione potrebbe disporre il fermo amministrativo sui veicoli intestati al coniuge in comunione dei beni: infatti l’articolo 86 (fermo dei beni mobili registrati) del DPR 602/1973 dispone che la procedura di iscrizione del fermo di beni mobili registrati é avviata dall’agente della riscossione con la notifica al debitore o ai coobbligati iscritti nel Pubblico registro automobilistico.

Per evitare dubbi, va chiesto l’estratto del certificato di matrimonio al Comune dove sono state celebrate le nozze: se sull’atto non sono riportate annotazioni, vuol dire che i coniugi sono sposati in regime di comunione legale dei beni. In questo caso converrà trasferire la proprietà dei veicoli ad altro familiare.

La cosa più grave della situazione illustrata è che, in caso di comunione dei beni e premorienza del coniuge debitore, una rinuncia all’eredità potrebbe essere non sufficiente per evitare l’accollo dei debiti a carico del coniuge superstite non debitore (almeno per un 50% dell’importo complessivamente ascritto al coniuge deceduto). Anche considerando che l’attuale giurisprudenza è orientata a considerare le somme risparmiate dal coniuge professionista nel versamento di contributi previdenziali e imposte sul reddito, come finalizzate a soddisfare le esigenze della famiglia.

Ma nessuna paura: il problema si pone se, e solo se, sua madre non risulta essere nullatenente. Tuttavia, sarebbe buona cosa se i figli (o meglio tutti i chiamati) rinunciassero all’eredità in occasione del decesso di ciascuno dei due genitori.

1 Settembre 2022 · Giorgio Martini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 147 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Possibile rivalsa su beni di mia madre per debiti esattoriali di mio padre. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.