Poltronesofà: c’è pubblicità ingannevole – Interviene l’Antitrust

Vorrei sapere come sia possibile che la pubblicità Poltronesofà, promuova sconti a scadenza determinata, per poi ripresentare l’offerta ogni nuova volta con una fine diversa.

Così facendo, non si invoglia il consumatore ad affrettare l’acquisto? Non è pubblicità ingannevole?

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, Agcm o Antitrust, ha accertato la scorrettezza della promozione di Poltronesofà, “Doppi saldi doppi risparmi – sconto 50% + fino a 40% su tutta la collezione + 48 mesi senza interessi”, diffusa nel periodo 4 gennaio – 9 febbraio 2020, per due aspetti.

In primo luogo, è emerso che le condizioni effettive di vendita limitavano l’applicazione delle percentuali di sconto pubblicizzate soltanto ad alcuni divani in catalogo e con la composizione e il rivestimento esposto in negozio.

In secondo luogo, la società ha diffuso messaggi in cui l’offerta “48 mesi senza interessi” è stata inizialmente promossa con scadenza al 9 febbraio 2020. In seguito Poltronesofà ne ha prima anticipato la scadenza al 19 gennaio 2020 e poi l’ha ripresentata con l’originaria scadenza del 9 febbraio.

Questo comportamento può far pensare al consumatore di doversi affrettare all’acquisto perché l’offerta sta per scadere, privandolo così del tempo necessario per prendere una decisione consapevole.

C’è poi un’altra promozione, quella “Supervalutiamo il tuo divano fino a 1.500 Euro”, diffusa nel periodo 14 maggio -15 giugno 2020. In questo caso l’Antitrust ha verificato che si trattava in realtà in uno sconto percentuale fisso (fino ad un importo massimo di 1.500 euro) già incluso nel prezzo di vendita riportato sul cartellino.

Lo sconto era garantito a tutti i consumatori interessati, a prescindere dalla valutazione di un eventuale divano usato.

Infine, è stata accertata l’ingannevolezza della promozione “25% di sconto + un altro 25% su tutta la collezione”, diffusa nel periodo 3-27 settembre 2020, in riferimento all’entità dello sconto promesso, all’effettiva applicabilità dello sconto a “tutta la collezione” e alla scadenza reclamizzata della promozione.

Per quest’ultimo aspetto, in particolare, la ripetizione – nel periodo di validità della promozione – di affermazioni quali “cosa aspettate c’è tempo solo fino a domenica” e “cosa aspettate c’è tempo solo fino a domani”, è apparsa idonea a convincere i consumatori che fosse necessario affrettarsi all’acquisto per la prossima scadenza della promozione.

Ad ogni spot si faceva pensare al consumatore che l’offerta stava per scadere, che c’era tempo solo fino a domenica per avere uno sconto imperdibile, così da invogliarlo ad affrettare l’acquisto.

Peccato che poi il giochino veniva ripetuto subito dopo, a ripetizione.

Ogni volta era la stessa storia.

Il fatto che questa comunicazione sia stata considerata una pratica scorretta è positivo perché speriamo invogli ad una pubblicità meno aggressiva, che non induca il consumatore a falsare il suo comportamento economico».

19 Aprile 2021 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pubblicità ingannevole » Salvo esaurimento scorte? Va verificato
Quante volte è capitato: attratti da un volantino pubblicitario che annunciava della merce in offerta, vi siete recati al negozio per acquistare il prodotto, ma il commesso vi ha detto che, lo stesso, era appena terminato. Ebbene, secondo gli ultimi orientamenti, è pubblicità ingannevole promuovere prodotti disponibili solo in piccole quantità. Inserire nel volantino promozionale delle offerte di beni, poi risultati indisponibili proprio nel periodo della promozione, è una pratica di pubblicità ingannevole e, quindi, scorretta. Il venditore non si esonera dalla responsabilità nemmeno apponendo sul volantino la dicitura salvo esaurimento scorte e/o merce. E' necessario, infatti, il semplice fatto ...

Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm), come emerge dal bollettino del 23 Settembre 2013, ha inflitto alla società Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio nessuno. Una delle ultime multe dell'Agcm, infatti, è stata inflitta ad Enel Energia. Nelle motivazioni della sanzione l'Antitrust ha dichiarato che: Per quanto riguarda la durata della violazione, dagli elementi disponibili in atti risulta che la pratica commerciale è stata posta in essere dal mese di ottobre 2012 al mese di dicembre 2012. ...

Unipol Sai e pubblicità ingannevole - Attenzione alla polizza covid rc auto
Essendo un contraente di una polizza rc auto con Unipol Sai, ho cercato di fruire del mese di restituzione, tanto pubblicizzato, che la compagnia offriva a causa dell'emergenza Covid-19. In realtà, però, non c'era nessuna restituzione, ma un voucher da offrire in caso di rinnovo successivo. Si tratta di pubblicità ingannevole? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Poltronesofà: c’è pubblicità ingannevole – Interviene l’Antitrust