Pignoramento stipendio e conto corrente

Si possono pignorare sia lo stipendio che il conto corrente bancario contemporaneamente e come funziona se si?

In caso di fido bancario se il conto è negativo le entrate coprono prima lo scoperto o comunque sono pignorabili?

Infine il salario accessorio nel pubblico (premi,straordinari, eccetera) sono pignorabili?

La finalità del pignoramento e dell'espropriazione forzata dei beni del debitore inadempiente è quella di rimborsare il creditore: il quale può, pertanto, procedere dapprima al pignoramento del conto corrente del debitore e successivamente, se le giacenze non coprono il dovuto, passare al pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro o della pensione presso l'INPS.

Se, viceversa, il creditore opta inizialmente per, ed ottiene, il pignoramento dello stipendio o della pensione, il piano di rientro prevede la copertura dell'intero debito e si forma un residuo non rimborsato, per il quale il creditore può avviare ulteriori azioni esecutive, solo a fronte di eventi particolari quali il decesso del debitore (per stipendi e pensione) oppure il licenziamento o le dimissioni volontarie (per lo stipendio).

Può anche accadere che lo stipendio o la pensione del debitore siano già oggetto di pignoramento ed un altro creditore sia costretto ad avviare un'azione esecutiva finalizzata al pignoramento del conto corrente, dal momento che, come è noto, due creditori ordinari (banche, finanziarie, privati) non possono contemporaneamente pignorare il medesimo stipendio o la stessa pensione.

Il pignoramento del conto corrente, e passiamo alla seconda domanda, appartiene alla tipologia di pignoramento presso terzi, laddove il terzo (nel caso specifico l'istituto bancario) risulta debitore del debitore (in pratica, debitore delle somme depositate e disponibili in conto corrente). Certamente, per quel che riguarda eventuali scoperti di conto, siamo di fronte ad una ulteriore obbligazione del debitore esecutato nei confronti della banca e non di un credito vantano dal debitore nei confronti della banca. Ed è allora conseguente che quanto va a coprire uno scoperto di conto corrente non può essere utilizzato per servire il debito verso il creditore pignorante. Il quesito, comunque, prospetta una situazione limite che nell'esperienza quotidiana quasi mai si verifica, dal momento che l'accredito su un conto in rosso e la notifica del pignoramento non sono quasi mai contemporanei. Se l'accredito avviene prima o in coincidenza della notifica del pignoramento del conto corrente, è pignorabile solo l'attivo di conto; se, invece, l'accredito è successivo alla notifica del pignoramento e del conseguente congelamento del saldo di conto, non si pone il problema.

Per finire, anche premi, straordinari ed altre indennità relative al rapporto di lavoro, sia pubblico che privato, sono pignorabili, al netto degli oneri fiscali e contributivi ritenuti alla fonte, nella misura massima del 20%.

18 marzo 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...
Apertura di credito in conto corrente - In caso di sconfinamento il tasso extra fido va applicato alla sola quota eccedente la disponibilità del fido
La clausola che prevede l'applicabilità del tasso extra fido a tutta la somma utilizzata (allora anche a quella intra fido) è nulla, risultando ingiustificatamente penalizzante e modificativo dell'equilibrio complessivo del contratto. Uno sconfinamento di modesta entità e durata non può provocare l'applicazione all'intera linea debitoria di un tasso differente rispetto ...
Conto corrente » Qualche espediente per difendersi dal pignoramento ordinario ed esattoriale
Pignoramento del conto corrente, sia esattoriale che ordinario: ecco qualche consiglio pratico per tutelarsi al meglio dai creditori. Quasi la maggioranza dei consumatori, nel nostro paese, possiede un conto corrente personale. Essere proprietari di un conto corrente, però, presenta diversi problemi. In primis, Il fisco, il quale, attraverso il monitoraggio ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande