Pignoramento prima casa per debiti verso la Pubblica Amministrazione

Nel caso di debiti con soggetti privati ho letto che è possibile il pignoramento della prima casa, mentre invece per debiti con lo stato l’AdER non può procedere al pignoramento se non si supera un limite di dovuto fissato dalla norma.

Ma chi sono esattamemte i soggetti privati? Si intende le banche, le società, le persone fisiche? Gli enti di previdenza dei liberi professionisti, quali ad es. INARCASSA, rientrano nei soggetti pubblici o in quelli privati? Se sono privati potrebbero pignorare la prima casa nell’ipotesi di insoluti? Infine se questo è possibile esiste una maniera legittima di impedirlo?

La questione è molto semplice: possiamo distinguere i crediti che possono essere riscossi, anche coattivamente, dal debitore inadempiente, in crediti ordinari, crediti esattoriali e crediti alimentari: i crediti esattoriali sono quelli vantati nei confronti del debitore da soggetti pubblici, ovvero dalla Pubblica Amministrazione (PA); i crediti alimentari sono quelli il cui adempimento può essere preteso da parenti in stato di indigenza oppure dal coniuge separato o divorziato e/o dai figli in seguito a divorzio o separazione dei genitori. Tutti gli altri sono crediti ordinari che un privato (ad esempio, dopo una sentenza di risarcimento danni) può chiedere di adempiere al proprio debitore, così come una banca, o una finanziaria, può pretendere dal debitore di restituire l’importo erogato a titolo di finanziamento, non rimborsato nei tempi previsti dal piano di ammortamento sottoscritto.

Inarcassa, la Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti, è un ente pubblico, cioè un creditore esattoriale del professionista che non ha versato i contributi previdenziali ed assistenziali dovuti.

Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) agisce per conto di INARCASSA proprio perchè quest’ultimo è soggetto pubblico. Una banca, o un comune cittadino, non avrebbe facoltà di chiedere ad ADER di riscuotere il credito vantato nei confronti di un proprio debitore.

Dunque, se è questo che le premeva sapere, ADER non potrà pignorare ed espropriare la prima casa dell’ingegnere o dell’architetto inadempiente al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti.

8 Febbraio 2020 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La Pubblica amministrazione non paga fatture di importo superiore a 5 mila euro se il beneficiario ha debiti esattoriali e segnala il credito ad Agenzia delle Entrate Riscossione perchè possa effettuare un pignoramento presso terzi
Sono stato segnalato ad Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) dalla Pubblica Amministrazione (PA) mia debitrice ex articolo 48 bis DPR 602/1973 ed ho successivamente subito un pignoramento presso terzi. In pratica ADER si è ripagata due cartelle riscuotendo una mia fattura nei confronti dello PA per una vendita eseguita dalla mia ditta. Trascurando che il pignoramento è avvenuto per il mancato ricevimento della pec in cui chiedevo la rateizzazione, purtroppo per colpa mia che non ho capito che serviva la ricevuta di consegna e non solo di accettazione, quello che vorrei sapere è se rimarrà traccia di questo pignoramento. Ovvero ...

Pignoramento esattoriale presso la pubblica amministrazione - la riscossione diretta
Il pignoramento esattoriale presso terzi da parte degli agenti della riscossione, procedura impropriamente denominata  "di pignoramento presso terzi" (impropriamente perché, in realtà, sussistono notevoli differenze rispetto alla procedura esecutiva presso terzi disciplinata dal codice di rito) costituisce un importante strumento di recupero dei crediti vantati dallo Stato nei confronti dei soggetti privati inadempienti. La riscossione diretta, in particolare,  consente di recuperare le somme in maniera quasi immediata, senza osservare particolari procedure, se non quelle previste dall'articolo 48-bis e 72 bis del DPR 29 settembre 1973, numero 602. L'articolo 48-bis prevede, per le amministrazioni pubbliche  e le società a prevalente partecipazione ...

Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a cinquemila euro
Compensazione forzata: la Pubblica Amministrazione (PA), in debito per importi superiori a 5 mila euro, prima di pagare, deve interrogare Equitalia. I soggetti pubblici, ovvero le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a 5.000 euro, devono procedere alla verifica di eventuali inadempienze tributarie da parte del soggetto beneficiario del pagamento stesso. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento prima casa per debiti verso la Pubblica Amministrazione