Pignoramento presso il datore di lavoro – Sono cinque mesi che aspetto il prelievo

A luglio del 2018 mi è stato notificato una ingiunzione di pagamento presso terzi verso il mio datore di lavoro: il creditore è una società privata e l’udienza per l’assegnazione delle somme è stata fatta a settembre 2018.

Essendo a febbraio del 2019, quindi passati quasi 5 mesi, non ho ancora ricevuto nessuna sentenza del giudice sulle somme da pignorare. E’ normale aspettare tutto questo tempo?

Il decreto giudiziale di assegnazione della quota percentuale in base al quale operare il prelievo dallo stipendio deve innanzitutto essere notificata al datore di lavoro.

In generale, l’articolo 497 del codice di procedura civile stabilisce che il pignoramento perde efficacia quando dal suo compimento (notifica al terzo pignorato, cioè il datore di lavoro) sono trascorsi quarantacinque giorni senza che sia stata chiesta l’assegnazione.

Nel caso sottoposto, la richiesta di assegnazione è stata presentata se è vero, come è vero, che l’udienza si è tenuta nel settembre 2018.

Quindi, se proprio ci tiene, non le resta che chiedere informazioni alla cancelleria del tribunale sulle motivazioni sul ritardo.

14 Febbraio 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio per 1/8 ma il datore di lavoro continua ad accantonare il quinto
A mio marito, ad ottobre 2018, viene emesso un atto di pignoramento presso terzi di 1/5 dello stipendio, il datore di lavoro inizia ad accantonare in attesa di udienza, il 21 gennaio 2019 mio marito si presenta davanti al giudice il quale decide che la somma da pignorare sia di 1/8 e non più il quinto e che venga restituita la somma di di differenza accantonata fino ad ora. Arriva lo stipendio e troviamo la sorpresa: pignoramento del quinto con un debito residuo maggiore di quello deciso dal giudice e nemmeno un centesimo del rimborso. Possiamo agire in qualche modo? ...

Situazione di temporaneo stallo su un decreto ingiuntivo con un primo pignoramento già azionato - Poi ho cambiato datore di lavoro
Il 5 dicembre 2017 ho ricevuto un decreto ingiuntivo per 35 mila euro con precetto, per un vecchio prestito del 2005 con plusvalore SPA in liquidazione, di 15 mila euro. Tra interessi, more, e spese legali si è arrivati ai suddetto importo. A febbraio 2018 è arrivato il pignoramento del quinto dello stipendio. Il quale è andato avanti per 5 mesi poi ho cambiato lavoro e ditta e il tutto si è fermato . In totale hanno trattenuto circa 3000 euro pignorando anche 1/5 del TFR. Da circa 6 mesi non ho più avuto notizie del recupero crediti. Nel frattempo ...

Dichiarazione stragiudiziale del datore di lavoro nella procedura di pignoramento esattoriale dello stipendio
Il mio datore di lavoro ha ricevuto una dichiarazione stragiudiziale da parte di sorit che vogliono informazioni sul mio stipendio: mi sono accorto di non avere pagato un'ingiunzione di pagamento per la Tares 6 mesi fa; se la pago adesso va bene lo stesso o ormai devo aspettare il pignoramento dello stipendio? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento presso il datore di lavoro – Sono cinque mesi che aspetto il prelievo