Pignoramento pensione e reddito da lavoro dipendente da Agenzia delle Entrate Riscossione


Sono un neopensionato di anzianità a 720 euro/mese e allo stesso tempo lavoratore dipendente a 2500 euro mese: il debitore è solo lo Stato e vorrei sapere, se possibile, quale reddito potrebbe essere attaccato dalla Agenzia delle Entrate Riscossione e il relativo importo.

La pensione è pignorabile da Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER ex Equitalia) nella misura del 20% della parte eccedente il minimo vitale, attualmente pari a circa 690 euro: nel suo caso, pertanto, il pignoramento della pensione comporterebbe una trattenuta INPS a favore della Pubblica Amministrazione per la quale agisce AdER di circa 6 (sei) euro. Difficilmente AdER avvierà, nei suoi confronti, azione esecutiva di pignoramento della pensione.

Lo stipendio, al netto degli oneri contributivi e tributari nonché degli eventuali assegni familiari che sono impignorabili, potrà subire una trattenuta:

– di un decimo fino a 2.500 euro;
– di un settimo fra 2.500 e 5.000 euro.

Pertanto, il suo stipendio netto verrà decurtato dal datore di lavoro, terzo pignorato, di circa 250 euro/mese.

Faccia anche attenzione al conto corrente, che potrebbe essere svuotato integralmente, fatta eccezione per l’ultimo mensilità di retribuzione accreditata.

29 Agosto 2021 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento pensione e reddito da lavoro dipendente da Agenzia delle Entrate Riscossione