Pignoramento pensione – Come si calcola?

Argomenti correlati:

Come si calcola il pignoramento della pensione? Faccio un esempio pensione netta 1250 euro, cessione del quinto 250. Oltre al minimo vitale si deve detrarre anche la cessione? Mi può fare un esempio?

Supponiamo, tanto per fissare le idee, che al pensionato vengano accreditati in conto corrente 1250 euro e che la pensione, al netto degli oneri fiscali e al lordo della rata destinata a servire il prestito dietro cessione del quinto, trattenuta alla fonte, sia pari a mille e 500 euro.

Alla luce degli importi massimi stabiliti per il 2020 relativamente all’assegno sociale (459,83) nonché ai sensi dell’articolo 545 del codice di procedura civile, la pensione potrà essere pignorata presso l’INPS, solo per l’importo eccedente 689,74 euro, dal momento che il minimo vitale è pari all’importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà.

Nell’esempio a cui ci riferiamo, dunque, la quota pignorabile della pensione sarà pari a 1500 – 689,74 euro, ovvero a 810,26 euro.

Sull’importo della pensione al netto del minimo vitale si applicherà la trattenuta del 20% destinata a rimborsare mensilmente il creditore pignorante. Pertanto a quest’ultimo andranno assegnati circa 162 euro al mese.

11 Giugno 2020 · Patrizio Oliva

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?