Se ho in corso il pignoramento dello stipendio, il prelievo mensile verrà effettuato anche sull’importo erogato dal Fondo di Integrazione Salariale (FIS)?

Ho un pignoramento in busta paga: ora l’azienda ha chiesto il FIS a zero ore e INPS dovrebbe versarmi l’importo ancora non ben definito.

L’ufficio contabilità ha già avvisato lo studio legale che si è occupato della pratica che non potranno provvedere al versamento del quinto pignorato per il periodo della sospensione lavorativa, ma non hanno ricevuto risposta.

Posso avere problemi? Il FIS è pignorabile come lo stipendio o basta la comunicazione dell’azienda per sospendere il pagamento?

Il prelievo dalla busta paga del debitore sottoposto ad azione esecutiva (in pratica, precettato) viene ottenuto dal creditore procedente notificando un atto di pignoramento al datore di lavoro, sulla base della considerazione che quest’ultimo è a sua volta debitore del dipendente sottoposto ad azione esecutiva, dovendogli la retribuzione mensile per la prestazione svolta.

Ora, con il ricorso al Fondo di Integrazione Salariale (FIS) in deroga, (concesso per epidemia da Covid19) il terzo che eroga al dipendente debitore l’importo dovutogli nella forma di retribuzione non è più il datore di lavoro, ma il fondo stesso, nella forma, però, di sostegno al reddito.

In pratica, per poter ottenere qualcosa dall’importo erogato al debitore dal FIS, il creditore procedente dovrebbe notificare l’atto di pignoramento allo stesso FIS, il quale potrebbe cominciare, così, ad accantonare il 20% delle competenze spettanti al debitore sottoposto ad azione esecutiva, in attesa che il giudice assegni al creditore la corretta quota da prelevare ogni mese (sempre che il giudice ritenga ammissibile il pignoramento su un importo che rappresenta una forma di sostegno al reddito e non uno stipendio).

Una procedura difficile da attuare per i tempi, le spese legali necessarie, il poco chiaro quadro normativo, attesa anche la circostanza che non è detto che il ricorso al FIS in deroga possa essere autorizzato dal governo nei prossimi mesi e nella speranza, a tutti comune, che l’emergenza sanitaria abbia al più presto fine.

Nel frattempo, il datore di lavoro comunica al creditore che per il mese di marzo nulla deve al proprio dipendente debitore in quanto, causa forza maggiore, egli non ha effettuato la prestazione contrattualmente prevista. Il che tronca, sul nascere, qualsiasi ipotesi di possibile prelievo dall’importo di integrazione salariale corrisposto al debitore.

17 Aprile 2020 · Michelozzo Marra

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?