Pignoramento del conto corrente aperto presso una banca extracomunitaria da parte di Agenzia delle Entrate italiana


Conto corrente estero, riscossione coattiva transfrontaliera

L’agenzia delle Entrate può pignorare beni o conti regolarmente detenuti all’estero (paese extra eu)?

Dal punto di vista del diritto internazionale, l’Agenzia delle Entrate, munita di un titolo esecutivo valido nel paese dove è ubicata la sede legale della banca, può senz’altro pignorare il conto corrente del debitore.

Piuttosto, si pone un problema di opportunità economica: in altre parole, la disponibilità in conto corrente del debitore ed il frutto del pignoramento giustificano le spese giudiziarie per ottenere il decreto ingiuntivo in terra straniera e per procedere esecutivamente nei confronti del debitore?

12 Aprile 2020 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 217 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Pignoramento del conto corrente aperto presso una banca extracomunitaria da parte di Agenzia delle Entrate italiana. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.