Debiti e paventato pignoramento del conto corrente dove vengono accreditati incentivi e buonuscite conseguenti ad accordi aziendali

Dipendo da Poste Italiane, ma sono costretto a lasciare causa problemi finanziari: mi vengono offerti gli stipendi di un anno (quello che mi manca per andare in pensione con quota 100), i contributi di un anno e, forse, un piccolo incentivo.

La mia domanda è: questi soldi potranno essere attaccati dall’autore di un pignoramento e dalla finanziaria che mi grava con una cessione del quinto?

Come fare nell’eventualità, per renderli intoccabili (almeno fino a quando non sarò Pensionato)?

Per quanto attiene l’omesso rimborso della cessione del quinto in seguito a dimissioni volontarie, non dovrebbe palesarsi una eccessiva aggressività del creditore insoddisfatto, dal momento che l’età del debitore è evidentemente prossima alla pensione ed è quindi verosimile attendersi che il rimborso del prestito possa tranquillamente continuare a cura dell’INPS, una volta notificata la residua posizione debitoria del pensionato.

Più critica è l’evenienza di un pignoramento da parte dell’altro creditore: il rischio deprecabile che si può correre è quello di vedersi pignorata l’intera somma accreditata dall’azienda, a meno di un importo equivalente a tre volte la misura massima dell’assegno sociale (parliamo di 1.374 euro).

L’unico modo per dormire sonni tranquilli fino alla definizione della pratica di messa in quiescenza e per poter pagare, nel frattempo i contributi indispensabili finalizzati a fruire della pensione cosiddetta quota 100, è, pertanto, quello di depositare su un conto corrente intestato ad un terzo fiduciario, l’importo appena accreditato dall’azienda.

Oppure, ancora meglio, si può includere nell’accordo aziendale, la possibilità di delegare la stessa azienda al versamento dei contributi previdenziali dovuti all’INPS per fruire della pensione quota 100.

8 Marzo 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento del conto corrente bancario o postale sul quale vengono accreditati stipendi e pensioni del debitore - Esempi pratici
Per quanto attiene i crediti di natura esattoriale (in pratica quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione per la quale agisce Equitalia o un Concessionario locale della riscossione) il pignoramento del conto corrente del debitore può essere effettuato sulle somme depositate, ma senza includere l'ultimo stipendio o pensione che deve restare sempre disponibile per qualsiasi necessità del contribuente sottoposto ad esecuzione. Il pignoramento del conto corrente per crediti di natura esattoriale è regolato dall'articolo 72 ter del DPR 602/73: al comma 2 bis, infatti, la norma dispone che nel caso di accredito di stipendio o pensione sul conto corrente intestato al debitore, ...

Pignoramento del conto corrente su cui viene accreditato uno stipendio già pignorato dal datore di lavoro
Esempio pratico: stipendio al netto di contributi € 2500, cessione quinto € 500, prestito delega € 500, futuro pignoramento presso terzi alla fonte (datore di lavoro) per debito di natura ordinaria € 500 (un quinto). Domanda: utilizzando un c.c. bancario unicamente per appoggio versamento stipendio, quale potrebbe essere l'eventuale ulteriore pignoramento (dopo il versamento dello stipendio già decurtato del quinto pignorato alla fonte) per ulteriori debiti ordinari? Un quinto della somma versata? In questo caso il quinto ulteriore si calcola sul netto versato (quindi, nell'esempio € 1000 versati) quindi ulteriore pignoramento di € 200, o sul netto totale dello stipendio ...

Rischio il pignoramento del conto corrente dove verranno accreditati 50 mila euro
Il 27 di maggio mi verrà accreditata sul conto corrente che ho presso la banca dove ho lavorato, una somma corrispondente alla pensione integrativa di 235 euro mensili capitalizzata una tantum circa 50 mila euro netti. Ho ricevuto il 19 aprile una messa in mora per 65 mila e mi si indicano 10 gg per contattarli e trovare accordo altrimenti vie legali. Ho pensione con cessione volontaria: Equitalia rateizza 123 euro mese, fitto 700 euro e auto in procinto di blocco. Domanda: riusciro ad arrivare al denaro prima di decreto ingiuntivo esecutivo e in caso contrario possono prendere tutto o ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti e paventato pignoramento del conto corrente dove vengono accreditati incentivi e buonuscite conseguenti ad accordi aziendali