Pignoramento dello stipendio su cui grava una trattenuta del quinto azionata per debiti della medesima natura


Oggi purtroppo ho ricevuto un secondo pignoramento della stipendio da parte di Banca IFIS (che è la stessa banca che ha avviato il primo pignoramento) e mi chiedo: l’udienza è il 14 settembre, ma il datore di lavoro deve per forza accantonare un altro quinto fino a quel giorno o può evitare di farlo?

Le abbiamo già risposto qui, abbia la cortesia di non ripetere la stessa domanda all’infinito: la legge impone all’azienda l’accantonamento del quinto dello stipendio netto del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

L’importo accantonato verrà poi restituito al debitore qualora il giudice, con il decreto di assegnazione, decidesse di differire l’applicazione della seconda trattenuta. Il responsabile dell’ufficio del personale, tenendo conto che il creditore procedente nelle due azioni esecutive è il medesimo, potrebbe anche decidere di accollarsi l’onere di non procedere all’accantonamento.

Ma, sia chiaro una volta per tutte: il mancato accantonamento sarebbe frutto di una decisione discrezionale di opportunità, non sicuramente dovuta al dipendente sottoposto alla seconda azione esecutiva promossa dal medesimo creditore.

10 Giugno 2022 · Lilla De Angelis



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio su cui grava una trattenuta del quinto azionata per debiti della medesima natura