Pignoramento dello stipendio e presunte questioni riguardanti l’IRPEF

A seguito di una causa di lavoro il mio primo datore di lavoro ha dovuto rimborsarmi tre anni di stipendi arretrati e contemporaneamente versare l’IRPEF gravante su tale somma. In seguito la prima sentenza veniva cassata ed io condannato a restituire la somma ricevuta. Non essendo in grado di restituirla mi vedevo pignorato lo stipendio, per un quinto, presso il nuovo datore di lavoro. La parte pignorata è comprensiva anche dell’irpef poiché il totale richiestomi comprendeva anche l’irpef versata a suo tempo.

Quello che chiedo è se il mio attuale datore di lavoro non debba indicare nel Cu al rigo 440 la somma annuale pignorata in modo che io possa poi portarla in deduzione nella dichiarazione dei redditi. Sino ad ora il pignoramento compare solo nei cedolini dello stipendio. Questi sono sufficienti per inserire la somma annuale pignorata nella dichiarazione dei redditi?

Lei ha ricevuto dal primo datore di lavoro gli stipendi lordi relativi a tre annualità: se, in base alla sentenza d’appello, lei non aveva diritto a percepire lo stipendio, il primo datore di lavoro nemmeno era obbligato a versare le trattenute IRPEF. E, quantunque lo avesse fatto, si tratta di questioni (eventuale recupero dell’IRPEF prima versata e non dovuta in base alla sentenza d’appello) che non la riguardano, ma che attengono ai rapporti fra primo datore di lavoro e fisco.

In base alla sentenza d’appello, lei dovrà semplicemente restituire al primo datore di lavoro la somma assegnatale dopo la sentenza di primo grado, somma che non le spettava (probabilmente erogata anche al lordo dei contributi previdenziali) e di cui ha, in ogni caso, fruito. Non ha diritto ad alcuna deduzione.

5 Novembre 2020 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ho in atto un pignoramento dello stipendio ma cambierò lavoro - Cosa succederà?
Il 6 marzo la Plusvalore, verso la quale ho un debito di 37 mila euro mi ha notificato il pignoramento presso il datore di lavoro , pignorandomi 1/5 dello stipendio. Il 15 di giugno io ed il datore di lavoro dobbiamo presentarci dal giudice che ha emesso il pignoramento per la dichiarazione delle somme. Vi chiedo se anche il mio tfr sarà pignorato per 1/5 o sarà trattenuto per intero. Ma la domanda importante che volevo porvi è la seguente: il 21 febbraio ho dato le dimissioni per passare ad un nuovo lavoro meno remunerato dell'attuale ma più sicuro. Ho ...

Meccanismi di pignoramento dello stipendio per debiti di natura diversa - Concorso del pignoramento dello stipendio e del conto corrente dove viene accreditato lo stipendio
Ho subito il pignoramento del quinto dello stipendio alla fonte per un debito ordinario: qualche giorno fa ho ricevuto un'altro atto di pignoramento, sempre presso il datore di lavoro, per debiti esattoriali, di 1/10, che è stato respinto dall'azienda in quanto essa sostiene che il creditore dovrebbe accodarsi; ma in realtà, trattandosi di debiti di natura diversa dovrebbero concorrere fino a un massimo della metà dello stipendio? Altro quesito: se l'agenzia riscossioni o un'altra banca tentassero di pignorare invece il conto corrente, dovrebbero ex lege, farlo per 1/5 totale, tenendo conto del pignoramento già in corso (capienza residua) detraendolo dallo ...

Pignoramento dello stipendio dimissioni e nuovo datore di lavoro - Come funziona?
A marzo 2018 dopo la notifica del precetto per quattro mesi mi è stato pignorato 1/5 dello stipendio: poi ho cambiato ditta e da allora tutto si è fermato. Ora vi chiedo: se il creditore vorrà procedere con il nuovo pignoramento presso l'attuale ditta dovrà notificarmi un nuovo decreto ingiuntivo, poi precetto ed infine la notifica del pignoramento presso l'attuale datore di lavoro? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio e presunte questioni riguardanti l’IRPEF