Pignoramento del conto corrente da parte di Agenzia Entrate Riscossione per cartelle non incluse nella prima rottamazione – Ma io stavo aspettando il decreto sulla pace fiscale


Ho aderito alla prima rottamazione e sto pagando regolarmente, ma l’Agenzia delle Entrate Riscossione, per altre cartelle non comprese nella rottamazione mi ha pignorato il Conto Corrente (cointestato) dove mi viene accreditata la pensione. Cosa fare essendo in attesa della pace fiscale?

Quello che può fare in attesa che venga dichiarata la pace fiscale è sorvegliare che nel pignoramento del saldo di conto corrente venga rispettato, dalla banca, il dettato dell’articolo 545 del codice di procedura civile (crediti impignorabili).

La normativa vigente, infatti, dispone che le somme dovute a titolo di di pensione, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate, per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, quando l’accredito ha luogo in data anteriore al pignoramento; quando l’accredito ha luogo alla data del pignoramento o successivamente, le predette somme possono essere pignorate nei limiti previsti dal terzo, quarto, quinto e settimo comma dell’articolo 545 del codice di procedura civile (20% dell’importo del rateo, al massimo), nonché dalle speciali disposizioni di legge.

Si tratta di un adempimento a cui deve soddisfare il terzo pignorato, ovvero la banca. Allo scopo, tenga conto che, da gennaio 2018, l’importo massimo dell’assegno sociale ammonta a 453 euro.

27 Settembre 2018 · Paolo Rastelli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del conto corrente da parte di Agenzia Entrate Riscossione per cartelle non incluse nella prima rottamazione – Ma io stavo aspettando il decreto sulla pace fiscale