Pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) di un conto corrente su cui affluisce la pensione già pignorata presso INPS

Ho già la pensione pignorata per 1/5 dall’Inps, ora l’Agenzia delle Entrate Riscossioni verso la quale ho ulteriori debiti, mi ha fatto arrivare la notifica del pignoramento del conto corrente nel quale viene accreditata solo la pensione. La cifra nel conto prima della notifica del pignoramento è di 1800 €, so che possono togliere la parte eccedente 3 volte l’assegno sociale però vorrei sapere se questa cifra deve rimanere fino a quando la notifica arriva anche alle poste o se la posso togliere in parte. Poi da quel che ho capito i prossimi prelievi avverranno solo sulla pensione che entrerà mensilmente ma, essendo questa già pignorata dall’Inps, può essere pignorata ulteriormente? e nel caso lasciassi la cifra che c’è tutt’ora di 1800 €, la parte pignorabile pari a 396 € possono pignorarla considerato che fa parte di soldi già pignorati? Grazie

Dobbiamo innanzitutto premettere che Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) può pignorare il conto corrente intestato o cointestato al debitore inadempiente seguendo due procedure: l’articolo 72 bis del DPR 602 1973 o il pignoramento presso terzi ex articolo 543 del codice di procedura civile. Va poi precisato che la notifica del pignoramento ex articolo 543 del codice di procedura civile (o dell’ordine diretto di pagamento ex articolo 72 bis del DPR 602/2973) viene effettuata, pressoché contemporaneamente, al debitore esecutato e al terzo pignorato.

Fino a quando il debitore trova i soldi sul conto corrente soggetto a ordine di pagamento diretto o fino a quando il conto corrente non viene bloccato dal terzo pignorato (Banca o Poste Italiane) in attesa del decreto di assegnazione giudiziale (procedura ex articolo 543 del codice di procedura civile), egli può sempre prelevare il prelevabile.

Quando il debitore ha una pensione già pignorata dall’INPS, il rateo della pensione al netto della trattenuta del quinto operata dall’INPS supera l’importo massimo dell’assegno sociale moltiplicato per tre e viene accreditato su un conto corrente subito dopo sottoposto a pignoramento o ad un ordine di pagamento diretto da parte di AdER, il debitore ha due alternative: ricorrere al giudice dell’esecuzione per pretendere di ricevere l’intero importo accreditato in conto corrente (senza decurtazione della parte eccedente tre volte l’assegno sociale) oppure accettare la decurtazione della parte eccedente tre volte l’assegno sociale.

Nei mesi successivi il problema non si presenta perché il creditore non potrà pignorare la pensione accreditata dopo la notifica dell’atto di pignoramento ex articolo 543 del codice di procedura civile o dell’ordine diretto di pagamento ex articolo 72 bis del DPR 602/1973.

15 Marzo 2022 · Annapaola Ferri



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) di un conto corrente su cui affluisce la pensione già pignorata presso INPS