Accantonamento del quinto dello stipendio dove grava prestito delega e cessione – L’importo residuo in busta paga verrà ancora decurtato quando accreditato sul conto corrente già pignorato?

Ho appena avuto pignoramento del conto (dove avevo qualche euro che mi è stato lasciato) e dello stipendio. Il primo recupero del quinto è stato trattenuto dal datore di lavoro. Quanto mi prenderà la banca su quello che resta (1100 euro)? Un altro quinto? Sullo stipendio ho già una cessione del quinto e un prestito delega che è stato sospeso poiché con il pignoramento si superava la metà dello stipendio. Andrò incontro a problemi con la finanziaria per questa sospensione (spero momentanea o limitata ai soli mesi in cui percepisco lo stipendio base senza altri compensi che ho la possibilità di avere alcune volte)?

Una volta accreditato in conto corrente lo stipendio dopo il prelievo effettuato dall’azienda terza pignorata per accantonamento, non potrà subire ulteriori falcidie: l’articolo 545 del codice di procedura civile, infatti, stabilisce che le somme dovute a titolo di stipendio, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate, per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, quando l’accredito ha luogo in data anteriore al pignoramento del conto corrente; quando l’accredito ha luogo alla data del pignoramento del conto corrente o successiva, la busta paga può essere decurtata, ai fini del rimborso coattivo del prestito, solo attraverso la procedura di pignoramento presso il datore di lavoro.

In pratica, se c’è già stato il pignoramento del conto corrente, la somma accreditata successivamente può essere aggredita solo con la procedura di pignoramento presso il datore di lavoro, cosa, peraltro, già avvenuta in seguito ad azione esecutiva promossa da altro creditore.

Per quanto riguarda la sospensione del rimborso del prestito delega, alla finanziaria risulterà solo l’omesso pagamento delle rate: ai fini dello stato di morosità del debitore, la sospensione del pagamento di quanto mensilmente dovuto da parte del datore di lavoro delegato, per evitare il superamento della quota trattenuta limite del 50% è irrilevante, trattandosi di evento estraneo al rapporto contrattuale fra chi ha concesso il prestito delega ed il lavoratore dipendente. Le converrà contattare il soggetto che ha erogato il finanziamento delega se non vorrà subire, stante l’inadempimento, un secondo prelievo dalla retribuzione mensile per pignoramento presso il datore di lavoro che, comunque, verrebbe applicato solo quando il primo credito azionato giudizialmente sarà stato integralmente rimborsato.

18 Luglio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il debitore va in pensione (anticipata) con quota cento - Come verrà rimborsato il debito residuo da cessione del quinto, da delega di pagamento e da pignoramento che gravano in busta paga?
Sono un pubblico dipendente e sto per andare in pensione con quota 100: sulla busta paga gravano una cessione del quinto dello stipendio, una delega di pagamento di un quinto e un pignoramento. Cosa succede se vado in pensione? ...

Pignoramento dello stipendio nella misura di un quinto laddove preesistono cessione del quinto e prestito delega - Non dovrebbe esserci capienza solo per un prelievo di un decimo dalla busta paga?
Ho appena ricevuto un pignoramento in busta paga pari a un 1/5, avendo già da prima contratto una cessione del quinto ed una delega di pagamento anch'esse pari ad 1/5 ciascuna, per cui mi ritrovo adesso con 3/5 dello stipendio trattenuto cioè pari al 60% della retribuzione netta. La mia domanda è: per legge non dovrebbero lasciare un minimo del 50% dello stipendio? ...

Pignoramenti dello stipendio e cessione quinto - E' vero che al debitore sottoposto ad esecuzione deve restare almeno la metà della busta paga?
Percepisco uno stipendio lordo di duemila e 369,44 euro mensili sul quale ho trattenute erariali per 549,55 euro e trattenute extraerariali varie (tra cui una cessione volontaria del quinto e un prestito con una finanziaria, oltre ad addizionali comunali varie) per altri 790,24 euro. Da questo mese, a seguito di un pignoramento presso terzi per mancato pagamento di crediti alimentari, subisco una ulteriore ritenuta di Euro 200, per cui mi rimangono solo 829,65 euro. Vi chiedo se il pignoramento azionato dalla mia ex moglie poteva arrivare a 200 euro visto che in tal modo mi viene corrisposta meno della metà ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accantonamento del quinto dello stipendio dove grava prestito delega e cessione – L’importo residuo in busta paga verrà ancora decurtato quando accreditato sul conto corrente già pignorato?