Pignoramento del conto corrente postale su cui viene accreditata la pensione

Oggi ho ricevuto atto di pignoramento da Agenzia delle Entrate Riscossione del conto corrente che ho intestato presso Poste Italiane: io ho solo il conto corrente postale dove ricevo la pensione, che ora è vuoto. Quali passi farà ora Agenzia delle Entrate Riscossione? Ed io potrò prendere la mia pensione?

L’importo massimo dell’assegno sociale stabilito per il 2020 è di 459,53 euro: ai sensi dell’articolo 545 del codice di procedura civile, le somme dovute a titolo di pensione, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate solo per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, vale a dire solo per l’importo eccedente mille e 379,49 euro.

Pertanto, se la sua pensione accreditata in conto corrente è maggiore della soglia appena indicata, sul conto corrente le dovranno essere lasciati 1.379,49 euro. Altrimenti, il creditore pignorante non potrà toccare l’intera pensione.

Poiché il conto corrente resta bloccato fino all’udienza di assegnazione del giudice, potrà prelevare la somma per questo mese, e per i successivi ratei se i tempi si allungano, rivolgendosi direttamente ad un funzionario della banca.

31 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?