Pignoramento del conto corrente dedicato ad accredito della pensione


Ho subito nel 2019 il pignoramento del quinto presso l’istituto che eroga la mia pensione: ora mi è pervenuto il pignoramento del conto corrente sul quale viene versata esclusivamente la pensione già decurtata del quinto e la tipologia del nuovo pignoramento è la stessa del precedente e cioè credito di privati.

Sono questi importi ulteriormente decurtabili di un nuovo quinto come pare sia nell’opinione del terzo (la Banca)? Oppure diversamente?

Inoltre in virtù dell’eliminazione della detrazione per i figli minori sostituita dall’assegno unico familiare, diminuendo pertanto l’importo netto di pensione erogato, è possibile chiedere la rideterminazione dell’attuale trattenuta del quinto determinata con l’ordinanza del 2019? ed in quale modo?

Il creditore insoddisfatto procedente (che non è sicuramente lo stesso che ha già pignorato la pensione) può pignorare il conto corrente intestato al debitore inadempiente anche se tale conto corrente è riservato esclusivamente agli accrediti della pensione.

Il creditore procedente potrà prelevare quanto disponibile in saldo, ad eccezione dell’ultimo importo accreditato della pensione, purché esso non superi una somma pari a 3 volte l’importo massimo dell’assegno sociale (all’incirca 1.379 euro).

Con il conto corrente bloccato in attesa del decreto di assegnazione giudiziale delle somme rinvenute, il debitore può prelevare l’ultima pensione accreditata rivolgendosi ad un funzionario della banca terza pignorata, eccependo il disposto dell’articolo 545 del codice di procedura civile.

Naturalmente, lo stesso creditore non potrà ripetere, una seconda volta, il pignoramento del conto corrente intestato al debitore ed adibito esclusivamente a raccogliere gli accrediti di pensione, dal momento che se lo facesse, il pignoramento risulterebbe nullo sempre in virtù di quanto disposto dall’articolo 545 del codice di procedura civile.

Per il resto, il pignoramento della pensione (così come dello stipendio) avviene sempre in relazione ad importi al netto degli assegni familiari che sono impignorabili (oltre che degli oneri fiscali): pertanto è fuori luogo la richiesta di qualsiasi rideterminazione della trattenuta basata sulle conseguenze della recente entrata in vigore della normativa riguardante l’assegno familiare unico universale.

1 Aprile 2022 · Patrizio Oliva



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del conto corrente dedicato ad accredito della pensione