Pignoramento conto corrente, cosa succede ai bonifici successivi?

Vorrei sapere dopo che è stato bloccato il conto corrente a seguito di pignoramento presso terzi, i successivi bonifici ricevuti sul conto pignorato verranno respinti oppure verranno anch'essi bloccati e assoggettati ad espropriazione.

I bonifici in entrata alla data del pignoramento saranno soggetti ad un diverso regime giuridico in ragione della natura del soggetto disponente.

Se chi dispone l'accredito non è il datore di lavoro presso il quale il debitore sottoposto ad azione esecutiva svolge attività da lavoratore dipendente, le somme accreditate verranno contabilizzate in conto corrente e prelevate fino a concorrenza della somma indicata in precetto aumentata della metà (pignoramento ordinario) oppure fino a concorrenza del credito per cui si procede (nel caso di pignoramento esattoriale).

Se, invece, il soggetto disponente è proprio il datore di lavoro presso il quale il debitore sottoposto ad azione esecutiva svolge attività da dipendente, allora, lo stipendio accreditato nel breve periodo che intercorre fra la notifica del pignoramento del conto corrente intestato al debitore sottoposto ad azione esecutiva e il prelievo del salso disponibile disposto dalla banca, non potrebbe essere toccato.

Il creditore, infatti, per ottenere un prelievo dallo stipendio accreditato dopo la notifica del pignoramento alla banca, dovrebbe procedere con un'azione esecutiva, presso il datore di lavoro del debitore sottoposto ad azione esecutiva, finalizzata ad ottenere il 20% di quanto al debitore viene corrisposto come retribuzione mensile.

Tuttavia, è bene precisare che, una volta ricevuta la notifica dell'atto di pignoramento contenente l'intimazione a non disporre del credito, la banca è obbligata per legge a sottrarre alla disponibilità del debitore esecutato quanto giacente in conto corrente almeno fino a concorrenza della somma indicata in precetto aumentata della metà (pignoramento ordinario) oppure fino a concorrenza del credito per cui si procede (nel caso di pignoramento esattoriale), assumendo su di sé gli obblighi propri del custode e senza nulla poter opporre o far valere.

Sarà il debitore esecutato che, con il supporto tecnico (e indispensabile) di un avvocato, dovrà ricorrere al giudice delle esecuzioni presso il Tribunale territorialmente competente per vedersi riconosciuto il diritto di continuare a disporre dell'intero importo stipendiale eventualmente accreditato in data coincidente con quella di notifica del pignoramento.

6 febbraio 2017 · Simonetta Folliero


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente » Qualche espediente per difendersi dal pignoramento ordinario ed esattoriale
Pignoramento del conto corrente, sia esattoriale che ordinario: ecco qualche consiglio pratico per tutelarsi al meglio dai creditori. Quasi la maggioranza dei consumatori, nel nostro paese, possiede un conto corrente personale. Essere proprietari di un conto corrente, però, presenta diversi problemi. In primis, Il fisco, il quale, attraverso il monitoraggio ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - Cosa può fare il cointestatario non debitore per tutelare i propri diritti
In un conto corrente cointestato si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari, senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno di essi, neppure per quote ideali. In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, come il pignoramento del conto corrente, in seguito ad azione ...
Conto corrente cointestato » Pignoramento presso terzi e blocco integrale del saldo: è possibile?
E' corretto l'operato della banca che, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto corrente, cointestato ed a firma disgiunta? Tra le procedure esecutive, quella del pignoramento presso terzi rappresenta senza dubbio quella più diffusa, dato che consente ...
Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito
In tema di pignoramento, il creditore ha la possibilità di agire sui beni di proprietà del debitore anche se il loro valore è superiore a quello del credito vantato. La normativa vigente, infatti, consente al creditore di effettuare il pignoramento di beni del valore pari all'importo del proprio credito, aumentato ...
Cattivi pagatori ed apertura conto corrente
Le segnalazioni nelle SIC per i cattivi pagatori non sono ostative all'ottenimento di un conto corrente, tuttavia alcune banche - nell'ottica di selezionare la clientela - potrebbero farLe delle storie e rifiutarsi di aprirLe un conto corrente. Facendo un pò di questua fra un pò di istituti, vedrà che alla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca