Pignoramento del conto corrente – accrediti dello stipendio dopo la notifica al terzo pignorato


Da ciò che che ho capito, in caso di pignoramento del conto corrente per il recupero di crediti esattoriali per i quali agisce Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER), la banca non potrebbe bloccare l’operatività del conto corrente ma stornare mese per mese dal mio stipendio di 1/10 come si farebbe con pignoramento tramite datore di lavoro. Nel caso bloccasse il conto mi potrei opporre. Ho capito bene?

Ha capito male: la banca deve bloccare i prelievi e gli addebiti periodici in conto corrente, ma non blocca gli accrediti: per gli accrediti stipendiali successivi alla data di notifica del conto corrente – se il creditore procedente è Agenzia delle Entrate riscossione (AdER), se lo stipendio percepito dal debitore è minore di 2 mila e 500 euro, e se il debitore, nel frattempo, non ha prudentemente comunicato al datore di lavoro l’IBAN di un nuovo conto corrente dove trasferire la retribuzione mensile – il giudice assegnerà ad AdER solo il 10% dello stipendio accreditato.

16 Luglio 2022 · Ludmilla Karadzic



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del conto corrente – accrediti dello stipendio dopo la notifica al terzo pignorato