Pignoramento ed espropriazione casa per un debito con il notaio?


Devo al notaio 800 Euro per una prestazione fatta in merito ad una successione: ora sono veramente impossibilitato a pagare, ma sul conto corrente ho 36 centesimi di Euro ed ho una casa di proprietà (prima casa) ipotecata da parte dell’Agenzia delle entrate.

Può il notaio chiedere il pignoramento della casa essendo la mia prima ed unica casa e ipotecata da parte dell’AE?

Il linea del tutto teorica nulla impedirebbe al notaio di chiedere l’espropriazione della casa del cliente debitore inadempiente, una volta verificata la capienza del proprio credito nella differenza fra il valore ricavato da una possibile vendita all’asta dell’immobile e l’importo del debito con Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER ex Equitalia) garantito da ipoteca: infatti l’inespropriabilità della prima ed unica casa del debitore vale solo per le azioni esecutive promosse da Agenzia delle Entrate Riscossione e finalizzate a riscuotere coattivamente i crediti vantati dalla Pubblica Amministrazione. Non varrebbe per l’azione esecutiva di espropriazione immobiliare promossa da un notaio.

Il notaio, tuttavia, a nostro parere, non si impegnerà in una azione esecutiva, come l’espropriazione immobiliare, che richiede ingenti anticipi in parcelle e spese legali, per riscuotere un credito di 850 euro.

10 Settembre 2021 · Piero Ciottoli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento ed espropriazione casa per un debito con il notaio?