Pignoramento casa per debiti INPS

Per farla breve indico la mia situazione attuale:
1. ho avuto problemi con la legge ed ho patteggiato il 1 luglio 2015 (1 anno e sei mesi - pena sospesa - ero incensurato) oltre la restituzione di circa 25000 all'inps (parte offesa);
2. guadagno 500 euro al mese che mi bastano per pagare una rata di mutuo (circa 400 euro) ed un prestito (circa 100 euro) personale acceso per rendere abitabile la mia abitazione;
3. ho un figlio di 6 anni e non sono sposato (convivo);
4. la mia compagna ora di me non ne vuole più sapere e quindi la mia situazione economica si è aggravata ulteriormente.

Ho deciso di andarmene da casa e lasciare tutto a lei e mio figlio (continuando ad occuparmi delle rate) ma ho paura che prima o poi subirò un pignoramento da parte dell'INPS, poiché non ho ancora pagato nulla (anche se non mi è arrivata alcuna richiesta o documento da parte loro).

Vorrei chiedervi gentilmente se è possibile stipulare un contratto di comodato d'uso gratuito in modo da evitare il pignoramento di tutto ciò che è situato dentro casa e magari anche dell'immobile.

Concludo dicendo che sono intenzionato a restituire tutto ciò che devo all'ente, spero a rate.

L'INPS affida la riscossione coattiva dei propri debiti ad Equitalia: come noto, Equitalia ha forti limiti nel pignoramento dell'unica casa di proprietà e residenza del debitore.

In base alle ultime disposizioni legislative, l'agente della riscossione non può effettuare il pignoramento se l'immobile è l'unico di proprietà del debitore, se è adibito ad uso abitativo e se il debitore vi risiede anagraficamente.

Quindi il suggerimento immediato che ne discende è quello di non modificare la residenza anagrafica e tornare, in qualche modo, a vivere con la sua compagna e con suo figlio.

In questo modo Equitalia potrà solo iscrivere ipoteca sull'immobile (ed il problema della riscossione coattiva si porrà solo in caso di vendita).

Il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore è azione esecutiva assai poco efficace: Equitalia vi ricorre solo, per quanto ci è dato conoscere, quando nella residenza o nel domicilio del debitore è ragionevolmente presumibile rinvenire beni di valore (quadri d'autore, gioielli, collezioni, mobili di antiquariato).

Tanto premesso, opera, per quanto attiene il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore, il principio della presunzione legale di proprietà : tutto quello che si trova nella casa in cui vive il debitore è di proprietà del debitore stesso.

Si può, comunque, ovviare stipulando con un terzo un contratto di comodato da registrare all'Agenzia delle entrate che riguardi mobili, arredi, elettrodomestici presenti nella residenza del debitore.

9 novembre 2015 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - limiti espropriazione esattoriale
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta
contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore
pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia: pignoramento immobiliare ed ipoteca sulla casa » Limiti analogie e differenze
Pignoramento immobiliare ed iscrizione di ipoteca da parte di Equitalia: quali sono i limiti? E le differenze? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Per cominciare, va detto che i due concetti sono completamente differenti: l'ipoteca è una cosa completamente diversa dal pignoramento immobiliare e l'una non comporta, ne esclude, per forza l'altro. ...
Rateazione Equitalia - per debiti fino a 50 mila euro possibile chiederla con semplice richiesta motivata
Passa da 20 a 50 mila euro la soglia massima che permette di chiedere la rateizzazione con una semplice richiesta motivata.  E' possibile ottenere fino a 72 rate (6 anni), fermo restando che l'importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro. Per gli importi superiori resta invece ...
Equitalia e pignoramento casa » Arriva lo stop
Con l'entrata in vigore della legge di conversione del decreto Fare (decreto legge 21 giugno 2013, numero 69 convertito, con modifiche, in legge 9 agosto 2013, numero 98) sono state introdotte misure per la semplificazione in materia fiscale. Senza dubbio, tra le novità più importanti, l'allungamento del periodo di rateizzazione ...
ISEE: l'immobile ora pesa di più » Ecco perché avere una casa di proprietà può essere un handicap
Isee: chi ha casa di proprietà sarà considerato benestante La prossima volta che presenterete il modello Isee per poter usufruire di qualche detrazione, potreste risultare, per lo stato, molto più ricchi, anche senza aver guadagnato un solo euro in più. È l'effetto del restyling dell'Isee che, come accennato in altri ...
Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca