Pignoramento dello stipendio di un amministratore o di un socio lavoratore per crediti di natura alimentare e pignoramento delle quote di una società a responsabilità limitata (srl)

Supponiamo che io abbia avuto alle spalle un lungo periodo da imprenditore (ditta individuale): supponiamo anche che io voglia trasformare la mia ditta individuale in una SRL, dove io divengo l´amministratore unico titolare al 100% per poter aumentare il giro di affari.

A questo punto, non avendo alcuna pendenza, debito o contenzioni, vorrei tutelare la mia quota di SRL e ovviamente gli utili dinanzi a (A) eventuali alimenti da matrimonio (Dovrei sposarsi il prossimo anno) (B) pignoramento di quote da privati, Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), o altri.

1) A me hanno detto che se io ho uno stipendio da amministratore quello è il mio reddito sul quale gli alimenti vengono calcolati in caso di separazione. Vi risulta?

2) Stesso discorso per il pignoramento delle quote della SRL e gli utili. Sono questi tutelati dinanzi ad eventuali pretese verso di me?

3) Mi hanno consigliato di fare una holding che gestisce il patrimonio della SRL, questa riceverà gli utili e non risponderà in alcun modo per nessuna posizione debitoria o altro della SRL. Cosa ne pensate?

Le somme percepite a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate per crediti alimentari nella misura autorizzata dal presidente del tribunale o da un giudice da lui delegato, fino alla concorrenza di un terzo valutato al netto di ritenute, per causa di alimenti dovuti per legge.

E’ quanto stabiliscono gli articoli 545 del codice di procedura civile e 2 della legge 180/1950.

L’articolo 2471 del codice civile stabilisce che la partecipazione può formare oggetto di espropriazione. Il pignoramento si esegue mediante notifica al debitore e alla società e successiva iscrizione nel registro delle imprese.

Tuttavia, per questioni tecniche e procedurali, non è praticamente applicabile la procedura di pignoramento presso terzi delle quote di una srl ex articolo 2471 del codice civile, anche in considerazione del fatto che, così, si determinerebbe una indebita modifica della compagine sociale.

L’articolo 2270 del codice civile, invece, dispone che il creditore particolare del socio, finché dura la società, può far valere i suoi diritti sugli utili spettanti al debitore e compiere atti conservativi sulla quota spettante a quest’ultimo nella liquidazione. Se gli altri beni del debitore sono insufficienti a soddisfare i suoi crediti, il creditore particolare del socio può inoltre chiedere in ogni tempo la liquidazione della quota del suo debitore. La quota deve essere liquidata entro tre mesi dalla domanda, salvo che sia deliberato lo scioglimento della società.

Quindi, se il patrimonio del socio debitore risulta insufficiente a soddisfare le ragioni del creditore particolare, quest’ultimo può chiedere in ogni tempo la liquidazione della quota e ottenere così la somma corrispondente.

In pratica, la specifica destinazione di natura imprenditoriale dell’attività sociale fa sì che il patrimonio della società sia insensibile agli interessi del creditore del socio. Quest’ultimo, infatti, non può in nessun modo aggredire i beni di cui dispone la società, perlomeno finché essa resta in vita: può però soddisfarsi sugli utili spettanti al suo debitore derivanti dalla spartizione annuale o compiere atti conservativi sulla quota di liquidazione di spettanza del socio debitore.

Per quanto attiene l’ultima domanda, può anche pensare di costituire una holding, ma, alla fin fine, a parte le spese di gestione di un simile ambaradan societario (ma tutto dipende dal giro di affari) deve sempre trovare un prestanome nullatenente e fidato (perchè potrebbe altrimenti procurare più danni di una consorte). Ma se avesse una tale possibilità, pensando in piccolo, tanto varrebbe che il prestanome svolgesse la funzioni di socio unico ed amministratore della srl.

In alternativa, infine, facendola semplice semplice, potrebbe anche pensare a continuare la relazione affettiva senza unirsi in matrimonio o formare una famiglia di fatto con il futuro, eventuale, creditore alimentare.

31 Dicembre 2019 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quale rischio patrimoniale per il socio e amministratore di una società a responsabilità limitata?
Sono amministratore unico e socio al 49% di una società srl, nel 2010 abbiamo contratto mutuo liquidità con ipoteca su terreno agricolo. ad oggi la società è in forte crisi non riusciamo a pagare le rate del mutuo e inoltre non riusciamo ad coprire il fido di c/c che ci ha concesso un'altro istituto di credito. Vi chiedo se il sottoscritto in qualità di socio ed amministratore della società in caso di recupero credito da parte degli istituti bancari rischia di vedere aggrediti beni personali. ...

Pignoramento dello stipendio su cui già grava un prelievo giudiziale di natura alimentare
Ho uno stipendio di circa mille e 600 euro, sul quale grava un pignoramento di 500 euro per il mantenimento di mio figlio: Mi è stato notificato un precetto da parte dell INPS per debiti contratti nel periodo in cui ero artigiano, al quale farà seguito sicuramente un pignoramento. La mia domanda è: avrò un doppio pignoramento o il prelievo dell'INPS verrà accodato? ...

Quali azioni esecutive intraprendere per il recupero crediti da lavoro nei confronti di una società a responsabilità limitata?
Sono un lavoratore che vanta un credito di lavoro pari a 1700 euro circa, per uno stipendio non pagato e licenziamento per non superamento periodo di prova. La società datrice di lavoro è una srl così composta: Rossi Mario, presidente consiglio di amministrazione e rappresentante dell'Impresa (nullatenente) con quote e azioni 40% quota nominale e versata 32000; Verdi Rita, moglie di Rossi Mario, rappresentante dell'impresa e Amministratore con quote e azioni 30% quota nominale e versata 24000 euro, con casa di proprietà 1/1; Rossi Giuseppe figlio di Mario e Rita, Vice presidente del consiglio di amministrazione e Amministratore con quote e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio di un amministratore o di un socio lavoratore per crediti di natura alimentare e pignoramento delle quote di una società a responsabilità limitata (srl)