Percezione canoni di locazione in contanti da parte degli eredi – E’ presupposto di donazione dell’appartamento locato?


Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Un erede era intestatario quale locatore di un contratto di affitto regolarmente registrato per il quale percepiva i canoni di locazione sia tramite assegno che in contanti, un altro erede invece, il fratello del primo, aveva anche lui un altro contratto di locazione per lo stesso locale ma non registrato e percepiva i canone di locazione per la maggior parte in contanti. I due fratelli non erano proprietari del locale, ma lo era la madre deceduta. Si configura una donazione indiretta indipendentemente che uno abbia ricevuto i canoni di affitto in contanti o in assegno? Con contratto registrato e senza contratto registrato?

Le abbiamo già risposto qui.

6 Novembre 2021 · Antonio Scognamiglio



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti