Percezione canoni di locazione da parte di un erede – Può rappresentare una donazione indiretta dell’immobile?


Può costituire una donazione indiretta la percezione dei canoni di locazione da parte di un erede, che era locatore in un contratto di locazione di un immobile però di proprietà della madre?

Volendo estendere, per assurdo, il suo ragionamento, potremmo, allora, dedurre che la percezione dei canoni di locazione da parte dell’erede potrebbe anche rappresentare l’effetto della costituzione, tacita, di un usufrutto a favore del beneficiario: usufrutto che, in conseguenza del decesso della nuda proprietaria, confluirebbe poi nella piena proprietà dell’immobile. Ma l’ipotesi non starebbe né in cielo, né in terra.

L’assegnazione all’erede dell’importo del canone mensile di locazione si configura semplicemente come una donazione del canone di locazione, e non può giuridicamente essere assimilato, in nessun modo, ad una tacita donazione dell’immobile.

4 Novembre 2021 · Piero Ciottoli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Percezione canoni di locazione da parte di un erede – Può rappresentare una donazione indiretta dell’immobile?