Parziale erogazione di banconote dal bancomat

Chiedo il Vostro aiuto per formulare una comunicazione di reclamo e contestuale richiesta di rimborso, da presentare alla banca che gestisce il mio conto e dalla quale ho effettuato un prelievo di denaro contante, ma da quanto richiesto mancavano 300 euro che invece mi sono stati addebitati nel totale riportato nella ricevuta emessa dallo sportello bancomat subito dopo il prelievo.

Ora nonostante le mie rimostranze presentate direttamente in filiale, l'impiegato (sempre lo stesso) continua a dirmi che dalle verifiche fatte da lui non risultano anomalie e con questo tenta di farmi desistere da ulteriori richieste di accertamento.

Nel nostro ordinamento le scritture contabili della banca, se regolarmente tenute, possono far prova tra le banche stesse, per i rapporti inerenti all'esercizio dell'impresa, ma non nei confronti di coloro che, come il cliente in qualità di semplice consumatore o fruitore di servizi, sono privi di tale qualifica.

Inoltre, quando il cliente di servizi bancomat riveste la qualifica di consumatore, la validità di clausole contrattuali dirette ad attribuire alle registrazioni contabili della banca efficacia probatoria deve essere verificata alla stregua di quanto stabilito dal Codice del consumo, il quale qualifica come vessatorie – e come tali nulle, le clausole che sanciscono limitazioni o modifiche dell'onere della prova. Pertanto, alle registrazioni contabili effettuate in automatico dalle apparecchiature bancomat presso le quali sono effettuate le operazioni di prelievo non può essere riconosciuta efficacia probatoria piena ed esclusiva a favore del gestore del servizio.

Spetta alla banca l'onere della prova che la eventuale denunciata irregolarità nel funzionamento del dispositivo bancomat, in particolare la mancata erogazione del contante, non sussiste. Allo scopo, non è sufficiente la produzione dei soli documenti contabili.

La banca erogatrice della carta bancomat deve fornire il riscontro probatorio della prima quadratura di cassa relativa al dispositivo bancomat utilizzato dal fruitore di servizi, necessario per dimostrare che non si è verificata alcuna eccedenza di cassa. In mancanza di tale prova, sussiste la responsabilità della banca per il danno subito dal cliente.

In questi termini si è espresso l'Arbitro bancario finanziario (ABF) nella decisione numero 236 del 31 gennaio 2011.

Può anche prendere visione di un'altra sentenza più recente dell'Arbitro Bancario Finanziario qui.

La prima cosa da fare è presentare reclamo alla banca dove è ubicato il distributore di banconote presso il quale si è verificato il problema.
Nel reclamo deve semplicemente riportare l'accaduto. Se entro 30 giorni non riceve risposta o la banca rifiuta di corrisponderle i 300 euro mancanti, potrà presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario che chiederà alla banca l'esibizione delle quadrature ufficiali di cassa.

Il ricorso all'ABF non richiede costi (a parte il contributo di segreteria pari a 20 euro) ed assistenza tecnica di un avvocato; può essere presentato anche con invio dell'istanza tramite raccomandata AR. Ulteriori info qui.

29 febbraio 2016 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

Duplicazione clonazione furto smarrimento carte di credito e bancomat – addebiti disconosciuti
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prelievo dal Bancomat con parziale erogazione di banconote - La banca deve dimostrare il corretto funzionamento del dispositivo
Qualora l'utilizzatore dei servizi Bancomat rilevi una parziale erogazione di banconote in un'operazione di prelievo, è onere della banca provare che l'operazione è stata autenticata, correttamente registrata e contabilizzata e che non ha subito le conseguenze del malfunzionamento dei dispositivi di erogazione o altri inconvenienti. La banca deve produrre un ...
Truffa presso lo sportello bancomat e successivi addebiti disconosciuti - Non sempre la banca ha ragione
Tizio tenta di eseguire un prelievo bancomat dallo sportello ubicato presso la banca di cui è correntista: senza tuttavia riuscirvi in quanto il dispositivo, dopo aver trattenuto la carta, visualizza la scritta carta illeggibile e successivamente sportello fuori servizio. Tutto questo accade il giorno 9 settembre. Tizio segnala immediatamente l'accaduto ...
La banca o le poste ritardano la consegna del bancomat? Il cliente ha diritto al risarcimento danni
Può capitare che, per le più svariate ragioni (clonazione, smagnetizzazione, smarrimento) si renda necessaria la sostituzione della carta Bancomat. Se si registra un ritardo consistente per la consegna della nuova carta ed il ritardo è ascrivibile alle modalità di spedizione e comunque ad aspetti organizzativi propri della banca (o di ...
Cambiale in scadenza - luogo di pagamento avviso e protesto
Il debitore deve sempre indicare il luogo di pagamento della cambiale in scadenza: sia esso il proprio domicilio o una filiale di banca domiciliataria. Di norma, il debitore emette una cambiale indicando contestualmente, come domiciliataria, una specifica filiale di una banca che indicheremo con D (luogo di pagamento). Questo vuol ...
Quando il bancomat non eroga il contante e la banca annota comunque l'addebito
Chiariamo innanzitutto che, in relazione alle operazioni compiute con il bancomat ed in particolare alla mancata erogazione del contante, le banche negoziatrici impartiscono solo ordini di addebito alla banca emittente sulla base di un accordo interbancario. Il che implica che la banca emittente è tenuta a controllare, su istanza del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca