Parent Company Guarantee prestata da società terza

A fronte di un contratto di vendita di servizi il cliente fornirebbe una garanzia a copertura dei pagamenti per i servizi sotto forma di Parent Company Guarantee rilasciata da un garante che non detiene quote del garantito ed è società di diritto francese. Si tratta di società terza. Ai fini del diritto italiano la garanzia è valida ed escutibile se il garantito non ottempera agli obblighi di pagamento garantiti?

Va premesso (giusto per uniformare il linguaggio) che a fronte di una garanzia per l’adempimento di una obbligazione (nella fattispecie l’obbligo di versare quanto pattuito in sede contrattuale per i servizi resi al cliente), il soggetto garantito è il creditore (al creditore, soggetto che effettua la prestazione, viene comunque garantito l’adempimento dell’obbligazione) mentre il soggetto a favore del quale è prestata la garanzia, ovvero il cliente, obbligato in quanto beneficiario della prestazione, viene indicato come debitore principale.

Il Parent Company Guarantee, non è un garante: ma, nel mondo anglosassone, indica una holding che sottoscrive una semplice lettera di presentazione con la quale dichiara che il cliente obbligato debitore è una società partecipata ed assume un obbligo, esclusivamente morale, rispetto all’adempimento. In Italia, non ha alcuna valenza giuridica: nella fattispecie poi, per inciso, il garante non detiene quote del soggetto obbligato, per cui si tratta, se vogliamo, di una Guarantee rilasciata da un terzo, e nemmeno da una Parent Company (la holding).

Il suggerimento, sebbene non richiesto, è quello di lasciar perdere: già è così difficile escutere le fideiussioni non prestate da un istituto di credito, figuriamoci cosa possa valere, in un eventuale contenzioso giudiziale nei confronti di chi ha sottoscritto la dichiarazione, un foglio di carta dove si dice che il cliente debitore è una brava persona e, di solito, i debiti li paga …

Dalla Parent Company Guarantee, in caso di inadempimento da parte del latore, può aspettarsi la medesima tutela che potrebbe pretendere da Tripadvisor dopo aver mangiato pessimamente in un ristorante recensito come ottimo sul relativo sito.

5 Maggio 2020 · Simone di Saintjust

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?