Mi richiedono di saldare un debito insoluto del mio defunto marito risalente al 2001 - Devo pagare?

Mio marito è morto nel 2005, e a mia insaputa mi ha lasciato quasi 3000 euro di debiti da pagare: io non sapevo l'esistenza di questo debito quindi non ho fatto la rinuncia dell'eredità. I debiti erano stati fatti sotto forma di cambiali scadenti nel 2001. Durante il mese di giugno del 2017 mi è arrivata una raccomandata da parte di un'azienda di recupero crediti richiedendo il pagamento di quanto dovuto (inizialmente con ammontare di oltre 4000 euro), io mi sono messa in contatto con loro chiedendo spiegazioni, che non mi hanno saputo dare subito, avvalendosi dell'eredità.

Inoltre, mi è stato appena comunicato che durante il dicembre 2010 risulta una raccomandata col timbro di mancata giacenza richiedente tale debito, ma dato che io a fine novembre 2010 avevo cambiato casa, e probabilmente non si era ancora fatto il cambio di residenza in comune, io non ne avevo preso conoscenza.

La mia domanda è se l'azienda creditrice in questione può ricorrere e fare appello, e se io devo pagare per forza tutto l'ammontare della somma.

L'azienda creditrice può ricorrere al giudice e chiedere un decreto ingiuntivo, ma solo se è in possesso della documentazione necessaria: ad esempio, le cambiali relative alla ristrutturazione del debito protestate a suo tempo, o il contratto originario di prestito sottoscritto dal defunto marito. Altrimenti la questione si complica.

Inoltre, dal 2001 il creditore deve dar prova di aver inviato al debitore, o ai suoi eredi, comunicazioni interruttive dei termini decennali di prescrizione, altrimenti il debitore potrebbe eccepire l'intervenuta prescrizione.

Per non rischiare di pagare un debito prescritto può attendere gli eventi, aspettare, cioè, di vedere se il creditore passa dalla parole ai fatti.

Io non credo che ciò avverrà mai: al suo posto non pagherei. Ma, questa è una decisione di cui deve farsi carico esclusivamente lei.

Nel frattempo, giusto per mischiare un pò le carte, porre un freno all'ostinata, prevedibile insistenza degli addetti al recupero crediti e minare la loro determinazione, può riferire di aver rinunciato all'eredità di suo marito nel lontano 2005: nel caso le chiedessero di trasmettere la documentazione a supporto della rinuncia, risponderà che lei non manda in giro i suoi documenti e che loro, se vogliono, possono effettuare i dovuti accertamenti.

11 aprile 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Purtroppo Giancarlo, sul suo debito non è invocabile alcuna prescrizione, dato che prima del 31 dicembre 2010 una finanziaria (cui è stato evidentemente ceduto il credito garantito dalla sua fideiussione) le ha chiesto di regolarizzare la sua posizione. Qualsiasi donazione dei beni di proprietà ad opera di un debitore può ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - Chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso
Per quanto riguarda il pagamento dei debiti e pesi ereditari (Cassazione sentenza 1994/2016) le spese per onoranze funebri rientrano tra i pesi ereditari, con la conseguenza che, colui che ha anticipato tali spese ha diritto ad ottenerne il rimborso da parte degli eredi, sempre che non si tratti di spese ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca