Pagamento avviso di accertamento oltre i 60 giorni dalla notifica


Vorrei sapere cosa succede nel caso in cui si effettua il pagamento di un avviso di accertamento d’ufficio (TASI) oltre il termine indicato di 60 gg e cmq prima di ricevere formalmente la cartella per il recupero coattivo. Mi conviene farlo o cmq mi farebbero pagare gli interessi di una futura cartella esattoriale?

Semplicemente i soldi versati fuori tempo massimo saranno considerati un anticipo rispetto all’importo che sarà, comunque, intimato con cartella esattoriale o ingiunzione fiscale (importo gravato da sanzioni e interessi di mora).

Ma ciò non accade in automatico, nel senso che è poi necessario che il soggetto obbligato si rechi agli sportelli comunali competenti per la gestione del tributo, esibendo la cartella o l’ingiunzione insieme all’attestazione di quanto già versato, per ottenere uno sgravio parziale rispetto alla somma intimata coattivamente.

Se ne deduce allora che, una volta inutilmente decorso il termine dei 60 giorni utili per l’adempimento previsto dall’avviso di accertamento del tributo locale TASI, conviene attendere pazientemente che il Comune si faccia vivo per pretendere il dovuto.

1 Dicembre 2020 · Paolo Rastelli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pagamento avviso di accertamento oltre i 60 giorni dalla notifica