Opposizione a pignoramento presso il datore di lavoro in caso di applicazione di trattenuta maggiorata


Argomenti correlati:

Nel caso in cui Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) ottenesse una trattenuta di 1/5 su uno stipendio al di sotto dei 2 mila e 500 euro, dovrei, tramite avvocato, fare un ricorso?

L’articolo 72 ter (limiti di pignorabilità) del Decreto del Presidente della Repubblica 602/1973 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito), stabilisce al comma 1 che le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall’agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2 mila e 500 euro e non superiori a 5 mila euro.

In caso di errore del giudice nell’assegnazione dell’importo della trattenuta ad Agenzia delle Entrate Riscossione, il debitore potrà agire, con il supporto di un avvocato, con ricorso al giudice dell’esecuzione ai sensi dell’articolo 615 del codice di procedura civile.

22 Luglio 2022 · Michelozzo Marra



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Opposizione a pignoramento presso il datore di lavoro in caso di applicazione di trattenuta maggiorata