Decreto ingiuntivo non opposto perché notificato al vecchio indirizzo di residenza del debitore

Ho subito un decreto ingiuntivo da parte di un Istituto bancario perchè non ho comunicato il cambio di residenza all'Istituto Bancario per cui non ho potuto oppormi.

Non so se il cambio di residenza rientra tra le clausole vessatorie perché non le ho firmate né risultano controfirmate da funzionari della banca. Ringrazio perché un debito di euro 17 mila è diventato nel giro di pochi anni 126 mila

Da quanto è dato (forse) capire, una delle clausole contrattuali del prestito prevedeva la comunicazione obbligatoria, da parte del debitore, di eventuali cambi di residenza: lei non ha adempiuto e quindi la banca ha notificato il decreto ingiuntivo al suo vecchio indirizzo di residenza e lei non ha potuto opporsi avendone (si spera) validi motivi.

A nostro parere, si tratta di un vizio di notifica, dal momento che il creditore è obbligato a consultare gli archivi anagrafici prima di notificargli un decreto ingiuntivo (l'obbligo disatteso dal debitore di mettere al corrente la banca di eventuali variazioni di residenza può giustificare solo l'omesso invio al giusto indirizzo di comunicazioni interne periodiche correlate al contratto, ma non investe, di certo, la notifica di atti giudiziali).

A fronte di una eventuale corretta notifica del precetto o di azione esecutiva sui beni di proprietà, potrà eccepire, con il supporto tecnico di un avvocato, l'omessa notifica del decreto ingiuntivo e ricorrere al giudice dell'esecuzione del Tribunale territorialmente competente, ex articolo 615 del codice di procedura civile (opposizione ad esecuzione forzata).

Ciò consentirà la remissione dei termini per esperire l'opposizione al decreto ingiuntivo e contestare lo stesso nel merito. A mano che, al momento della corretta notifica di un atto a cui il decreto ingiuntivo deve essere necessariamente sotteso, non siano decorsi i termini di prescrizione del diritto del creditore di pretendere il rimborso del prestito: nel qual caso potrà eccepire, in sede di ricorso al giudice dell'esecuzione, addirittura la prescrizione.

Ma, deve necessariamente consultare un avvocato di fiducia.

6 novembre 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo
notifica atti
opposizione a decreto ingiuntivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Validità delle notifiche al vecchio indirizzo in caso di cambio di residenza
Nel caso di cambio di residenza, per verificare la validità della notifica degli atti effettuata al vecchio indirizzo, occorre fare riferimento alle seguenti regole. ...
Notifica degli atti al vecchio indirizzo di residenza - Nulla anche se perfezionata nella mani di un parente stretto
La notifica di un atto non effettuata nel luogo di abitazione del destinatario nel suo Comune di residenza (come risultante dal certificato anagrafico), ma nel diverso luogo di abitazione di un parente stretto, che lo ha ricevuto in tale qualità, è viziata da nullità. Anche se il luogo di notifica ...
Banca notifica decreto ingiuntivo a debitore per scoperto su conto corrente? » Deve produrre in causa estratti conto
Banca notifica al proprio cliente decreto ingiuntivo per scoperto su conto corrente: qualora il debitore presenti l'opposizione all'atto, l'istituto di credito non solo deve produrre in causa gli estratti conto, ma dare anche prova di averli, di volta in volta, comunicati al cliente. Mettiamo il caso che un istituto di ...
Agevolazioni prima casa » L'inquilino che non se ne va non giustifica la mancata residenza
In merito alle agevolazioni prima casa, in caso di mancato rilascio del conduttore dell'immobile, i benefici per il nuovo padrone di casa decadono se non ha effettuato il cambio di residenza. Si può accedere alle agevolazioni prima casa solo con il cambio di residenza anche se l'immobile non viene rilasciato ...
Notifica del verbale di multa e cambio di residenza - Da quando decorrono i 90 giorni
Le comunicazioni al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) del cambio di residenza ritualmente dichiarato dal proprietario all'anagrafe comunale (nel rispetto della procedura da seguire e con l'indicazione anche dei dati relativi alla patente ed ai veicoli di proprietà) debbano essere eseguite di ufficio a cura degli uffici anagrafici. Pertanto, ove la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca