Obbligo assicurazione INAIL contro gli infortuni domestici per le casalinghe

Argomenti correlati:

Sono una casalinga e sento spesso parlare di polizza assicurativa obbligatoria contro gli infortuni domestici gestita da INAIL.

Ma davvero esiste questo ulteriore balzello per noi casalinghe?

Secondo il sito INAIL, è obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico chi
ha un’età compresa tra i 18 e i 67 anni compiuti e svolge il lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa.

I soggetti in possesso dei requisiti assicurativi sono tenuti all’iscrizione e al pagamento del premio assicurativo in un’unica soluzione alla data di maturazione degli stessi.

Il premio dell’assicurazione ha un costo annuale di 24 euro, non frazionabile su base mensile e deducibile ai fini fiscali.

L’iscrizione coincide con il pagamento del premio e la copertura assicurativa opera dal giorno successivo a quello in cui è stato effettuato il pagamento.

Il premio è a carico dello Stato per le persone che possiedono un reddito personale complessivo lordo fino a 4.648,11 euro l’anno e fanno parte di un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo non supera i 9.296,22 euro l’anno.

Chi possiede i requisiti di legge ma non paga l’assicurazione, è soggetto ad una sanzione da parte dell’Inail, graduata in relazione al periodo di trasgressione e per un importo non superiore, comunque, all’equivalente del premio (24,00 euro).

20 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assicurazione INAIL per casalinghe - Ma è vero che è obbligatoria?
Sono una casalinga di sessant'anni, con due figli già maggiorenni da un pezzo che vivono con me e separata da 10 anni: mi occupo delle faccende domestiche e della cura della mia famiglia da quasi trent'anni, non avendo mai lavorato. Oggi, al mercato del mio quartiere, mentre facevo la spesa, ho sentito due mie coetanee parlare di una specie di assicurazione per le casalinghe, che sarebbe obbligatoria. Mi sono messe ad origliare e da quello che ho capito il termine scadrebbe a breve. Ma è vero che è obbligatoria? Come funziona? ...

Da passeggero nella mia auto: coinvolto in un sinistro - Assicurazione deve risarcire i danni per infortuni?
Tre mesi fa circa, sono stato coinvolto in un sinistro e ho riportato ferite abbastanza serie: io, proprietario dell'auto e contraente della polizza ero seduto al posto del passeggero, mentre guidava mio fratello. In pratica, mio fratello non si è fermato allo stop è un'auto che sopraggiungeva ci è venuta addosso: dai rilievi è uscito fuori, inoltre, che mio fratello effettuava la guida in stato di ebbrezza alcolica. Come accennato, ho riportato una grave ferita, più frattura, alla gamba e non sono ancora in grado di camminare bene. La compagnia assicurativa, però, non solo mi ha negato l'indennizzo per gli ...

Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte in base al principio indennitario dall'importo del risarcimento dovuto allo stesso titolo al danneggiato da parte del responsabile. Questo, riassunto brevemente, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 25733/14. Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato ...

Dove mi trovo?