Possibile un nuovo prestito erogato a favore di una fu cattiva pagatrice grazie a quietanze liberatorie di precedenti debiti non rimborsati alla scadenza?


Per varie ragioni (le “tipiche” difficoltà che purtroppo a volte si incontrano) nel corso degli anni ho avuto vari problemi con dei prestiti, tutti comunque alla fine saldati nei vari modi possibili.
Quante probabilità ci sono che grazie alle varie quietanze liberatorie in mio possesso e, grazie ad una situazione personale (soprattutto patrimoniale) ora più solida e ben diversa da allora mi vengano concessi altri prestiti? O la “buona reputazione” che nasce da ciò che è nelle varie centrali rischi diventa un requisito imprescindibile per non precludermi ogni possibile strada verso un nuovo credito?

Alcune persone mi hanno detto che gli istituti oltre a verificare la storia passata come pagatore, in realtà valutano anche quale sia lo stato attuale, se cioè ci sono solidi presupposti per chiudere un occhio (esempio una pensione, un forte incremento patrimoniale, un’entrata fissa ecc.)

Cosa aspettarmi?

La realtà è questa: complicato per un soggetto che nel tempo non ha ottemperato alle scadenze di rimborso previste dai prestiti di cui ha beneficiato, ottenere nuovamente accesso al credito, pur avendo regolarizzato, nel tempo, le varie posizioni debitorie. E ciò per tre ordini di motivi:

– bisogna attendere almeno tre anni dalla data di regolarizzazione di un credito non rimborsato alle scadenze previste, per poter vedere automaticamente oscurata la posizione nel tempo censita nei Sistemi di Informazione Creditizia (SIC – quali CRIF, CTC, Assilea, Experian Cerved) o nella Centrale Rischi (CR) di banca d’Italia: oppure bisogna attendere almeno tre anni dalla data in cui avrebbe dovuto essere pagata l’ultima rata del piano di ammortamento, nel caso di prestito mai rimborsato (neppure in ritardo);

– l’assenza di dati positivi nei SIC (i dati positivi non vengono mai oscurati) attinenti a puntuali rimborsi di qualche debito per una persona non giovane rappresenta un elemento di sospetto;

– si deve essere fortunati a chiedere il nuovo prestito ad Istituti di Credito o Finanziarie che non facciano ricorso alla consultazioni di banche dati non ufficiali (le cosiddette Centrali Rischi occulte) che riportano i dati dei cattivi pagatori assenti (dopo tre anni) nei SIC ufficiali.

Per soggetti che, purtroppo, nel passato, hanno dovuto, loro malgrado, sperimentare le tipiche difficoltà che si incontrano nel rimborso di finanziamenti a loro riservati, bisogna ricorrere a terzi garanti con capacità reddituale e patrimoniale sufficiente, oppure a particolari tipologie di prestito, quali la cessione del quinto della pensione o a prestiti garantiti da ipoteca su immobile.

Nella sua situazione, le eventuali mutate capacità reddituali e patrimoniali rispetto agli anni in cui non ha potuto ottemperare al rimborso dei prestiti erogati a suo favore, hanno ben poca rilevanza. Ciò che conta è la recidiva nel risultare ripetutamente soggetto inadempiente rispetto agli obblighi assunti.

6 Ottobre 2021 · Lilla De Angelis



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Possibile un nuovo prestito erogato a favore di una fu cattiva pagatrice grazie a quietanze liberatorie di precedenti debiti non rimborsati alla scadenza?