Fermo amministrativo – E’ ammissibile il ricorso al Prefetto?


Circa 2 mesi fa ho presentato ricorso al prefetto per contestare un fermo amministrativo di 3 mesi irrogato quale sanzione accessoria su un veicolo di mia proprietà, in quanto non ero io il diretto trasgressore. Ad oggi non ho ancora ottenuto alcuna risposta dal prefetto ma tra circa 10 giorni scadranno i 3 mesi del fermo auto. Posso comunque ritornare a circolare con l’auto suddetta visto che comunque il fermo sarà integralmente consumato?

Non credo che il Prefetto le risponderà mai, sia per questioni procedurali (il giudice competente per fermo amministrativo iscritto come sanzione accessoria a sanzioni amministrative per violazioni del Codice della Strada è il giudice di pace competente per territorio di residenza del ricorrente), sia per questioni di merito (il proprietario del veicolo a bordo del quale è stata commessa la trasgressione è sempre coobbligato insieme al trasgressore, cioè subisce le conseguenze civili ed amministrative della trasgressione).

Scaduto il periodo temporale per il quale è stato iscritto il fermo amministrativo del veicolo, il proprietario può riprendere a circolarvi, senza incorrere nelle ulteriori sanzioni previste in caso di inosservanza del fermo (sequestro del veicolo, rivalsa dell’assicurazione in caso di sinistro, ulteriore sanzione pecuniaria amministrative, prolungamento del fermo, eccetera).

11 Febbraio 2021 · Giuseppe Pennuto



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fermo amministrativo – E’ ammissibile il ricorso al Prefetto?