Non riesco più a pagare i miei debiti – Come mi consigliate di affrontare la situazione in cui mi sono venuto a trovare?


Carte revolving (credito rotativo), ho debiti ma sono nullatenente, non ho soldi per pagare

Avevo una revolving per anni pagata regolarmente: poi la finanziaria, più di un anno fa, ha chiuso i crediti in italia e mi ha accordato di rientrare con un finanziamento di euro 5000 a 100 euro al mese circa.

Ho perso il lavoro e da un anno nn posso piu pagare. Ho anche un mutuo e le spese di casa. e non so come fare. Loro mi spaventano, ma io che m invento? La casa l’ho acquistata com un mutuo che sto ancora a fatica pagando. Ho un’auto di proprietà che varrà al massimo 1500 euro, non ho stipendio dal 2012 e il debito ammonta a 4400 euro.

Bisogna affrontare la situazione con lucidità, cercare di continuare a pagare il mutuo casa e non lasciarsi spaventare dalle minacce del creditore che reclama il rimborso dei sospesi relativi alla revolving.

Solo un soggetto stravolto da inconsulto spirito di rivalsa, e non una società che deve improntare il proprio comportamento, anche nella riscossione coattiva, a criteri esclusivamente economici, anticiperebbe, nel tentativo di recuperare un credito di nemmeno 5 mila euro, spese ben maggiori della somma da recuperare per espropriare un immobile e vedere poi, quasi sicuramente, assegnare tutto il ricavato della vendita all’asta al creditore garantito da ipoteca (la banca che ha erogato il mutuo).

Neanche è pensabile che il creditore proceda al pignoramento di un veicolo usato: anche in questo caso le spese supererebbero il ricavato della vendita giudiziale (sempre ammesso che si riesca a piazzare l’auto).

Al massimo, il creditore potrebbe pensare di iscrivere ipoteca sulla casa: ma a quale scopo, anticipare spese per ottenere il rimborso a babbo morto, quando e se il proprietario debitore decidesse di vendere l’immobile? Non è questo il mestiere di una finanziaria.

L’azione più efficace da portare avanti sarebbe il pignoramento del conto corrente (ma presumo che nel suo non ci sia trippa per gatti) o il pignoramento dello stipendio (problematico per un disoccupato).

Concludendo: lo scenario più verosimile vede la finanziaria vendere il proprio credito ad una società specializzata nel recupero. Questa la proprorrà un saldo stralcio (pochi soldi, maledetti e subito per chiudere la questione). Oppure, al massimo, attenderà che lei trovi occupazione da lavoratrice dipendente per procedere al pignoramento dello stipendio nella misura pari al 20% del netto percepito.

Niente di più, niente di meno.

28 Novembre 2016 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 129 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Non riesco più a pagare i miei debiti – Come mi consigliate di affrontare la situazione in cui mi sono venuto a trovare?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.