Mutui: tassi in aumento – Come fanno le famiglie già in difficoltà?

Ho stipulato un mutuo ipotecario e i tassi di interesse, in questo periodo, sono leggermente saliti: pur restando bassi, a volte, non riesco a rispettare le scadenze, a causa della crisi.

Come fare?

Aumentano ancora leggermente i tassi d’interesse sui mutui, pur restando vicini ai minimi storici: a febbraio, secondo il rapporto mensile dell’Abi, il tasso medio sui nuovi prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni è cresciuto all’1,30% dopo l’1,27% segnato a gennaio e l’1,25% a dicembre (minimo storico).

In diminuzione invece, “su livelli particolarmente bassi”, il tasso sui nuovi finanziamenti alle imprese: a febbraio è sceso all’1,10% mentre a gennaio era all’1,18%. Il tasso medio sul totale dei prestiti, poi, segna ancora un record al ribasso al 2,24% dopo il 2,26% di gennaio.

Nonostante i tassi siano ai minimi molte sono le famiglie in difficoltà nel onorare i pagamenti dele rate. Causa, manco a dirlo, la crisi generata dal Covid.

Secondo il rapporto trimestrale su Occupazione e sviluppi sociali in Europa, documento ufficiale pubblicato dall’UE, l’impatto economico e lavorativo della pandemia è stato particolarmente duro per le categorie meno tutelate: i giovani e i precari con contratti a tempo determinato sono infatti tra coloro che più hanno subito e tenderanno a subire la crisi in futuro.

Il decreto Cura Italia, varato dal Governo, prevede apposite misure anche per aiutare coloro che sono in difficoltà a pagare le rate del mutuo, a causa di una diminuzione o della perdita improvvisa del lavoro.

La sospensione delle rate del mutuo per l’acquisto della prima casa, fino a 18 mensilità, e la possibilità di disporre di un fondo per il pagamento del 50% degli interessi maturati nel periodo di sospensione sono accessibili se si dispone di particolari requisiti.

Il mutuo, ad esempio, non deve essere superiore a 250 mila euro, l’immobile acquistato deve essere l’abitazione principale e l’ipoteca deve essere in ammortamento da almeno un anno, con un eventuale ritardo nel pagamento delle rate non superiore a 90 giorni.

17 Marzo 2021 · Gennaro Andele



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti