Multa presa a Zagabria per infrazione realmente contestata e notifica di una diffida ad adempiere - Come dovrei comportarmi a riguardo?

Avrei un quesito da porre per quanto riguarda una multa presa a Zagabria in data 31/08/2016, pagata il giorno dopo presso l'ufficio postale, ma di cui non dispongo più la ricevuta in quanto non è stata pagata da me personalmente ma da una persona fidata che viveva lì e soprattutto è passato un anno e mezzo dall'accaduto.

Essendo la macchina intestata a mia madre, oggi, in data 1 dicembre 2017, arriva una bella diffida ad adempiere antecedente al procedimento di esecuzione, emessa da Marko Kuzmanovic per conto della Zagrebacki Holding D.O.O.: 190€ da pagare entro 8 giorni.

Come dovrei comportarmi a riguardo?

Se l'infrazione è stata realmente commessa, come si evince chiaramente dalla circostanza che lei abbia deciso di pagarla, abbiamo solo due possibilità:

  1. i croati ci provano a fare i furbi richiedendo il pagamento di una obbligazione già adempiuta;
  2. la fiducia nel croato incaricato di adempiere alla sanzione è stata mal riposta.

Comunque la si voglia mettere, finisce sempre Italia-Croazia zero ad uno: e quindi conviene mandare a Marko Kuzmanovic i soldi che chiede, anche considerando che, nella remota circostanza in cui la sanzione fosse stata effettivamente pagata, avrebbe dovuto, in qualche modo, entrare in possesso dell'attestato e conservarlo per almeno cinque anni.

Tuttavia, devo congratularmi con lei: è la prima persona di nazionalità italiana che ammette che l'ingiunzione di pagamento croata non è del tutto campata in aria (come potrà verificare scorrendo i post a cui si accede cliccando sul tag del topic che trova appena sotto, nella sezione "Altre discussioni simili nel forum").

Naturalmente, inutile aggiungerlo, potrà anche decidere di non pagare, confidando nel fatto che escutere coattivamente, per un credito di 190 euro, un soggetto di cui non si conosce la disponibilità reddituale e patrimoniale (effettuare un'indagine costa) è sicuramente un azzardo. Ma, questo avvocato potrebbe essere uno a cui piace frequentare i casinò ...

1 dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo da Croazia Serbia a altri paesi est europei per divieto di sosta ticket parcheggio o pedaggio autostradale non pagati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Diffida ad adempiere e risoluzione del contratto
Colui che eccepisce l'inadempienza contrattuale dell'altro contraente, non per questo invoca la risoluzione del contratto, ma manifesta solo di volersi astenere temporaneamente dall'adempimento, fino a quando l'altro contraente non abbia adempiuto o comunque abbia offerto di adempiere la propria obbligazione. Dalla diffida ad adempiere rimasta infruttuosa non scaturisce la risoluzione ...
Diffida ad adempiere » Ecco cosa fare quando il debitore non paga
Tutela del creditore - Ecco cosa fare quando il debitore non paga Tutela del creditore: oggi scopriamo la diffida ad adempiere. Ecco, infatti, come agire quando il debitore insolvente non onora l'obbligo neanche dopo l'invio della messa in mora. All'interno dell'articolo una chiara spiegazione sulla procedura stragiudiziale più usata: la ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Nulla la notifica del verbale di multa effettuata presso l'abitazione della madre del destinatario
E' nulla la notifica di un verbale di multa, per infrazione al Codice della strada, consegnato alla madre del destinatario, non nella abitazione di quest'ultimo ma nella abitazione della madre. Secondo i giudici della Corte di cassazione (sentenza numero 7830/15) non basta che la persona cui sia stato consegnato l'atto ...
Pignoramento fiscale conti correnti: cosa cambia realmente dal primo luglio 2017?
Ne sono state dette e scritte tante, sul web ed altrove, in merito all'ipotesi di un pignoramento più semplice dei conti correnti da parte del fisco: ma cosa è cambiato sostanzialmente, e dove sta la verità? Facciamo chiarezza con questo intervento. Nei giorni scorsi, si è parlato della possibilità di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca