Morosità nella fornitura idrica ed interruzione o sospensione del servizio


In caso di rateizzazione delle bollette, non pagando le rate, si rischia di essere sottoposti alla procedura di interruzione della fornitura

Lo scorso mese mi è arrivata la bolletta d’acqua Hydrogea di euro 1789: solitamente pago dai 100 ai 200 euro, ma sicuramente causa di una perdita d’acqua della caldaia, mi ritrovo questa bomba.
La società mi ha già diviso l’importo in 4 rate da 400 euro ciascuna, ma il problema è che è una spesa insostenibile per me, anche perché alle scdenze si aggiungerà anche la “solita rata” senza contare tutte le altre bollette etc.
Necessiterei di suddividere questa spesa che non è neppure completa in almeno 36 rate.

Volevo chiedervi quindi, se è a unico giudizio della società la durata della rateizzazione onde posso chiederla io per iscritto, e se nel caso mi rifiutassi pagare la “spesa imprevista” e continuassi a pagare solo le solite bollette, potrebbero chiudermi l’acqua ?

Non vorrei arrivare a questo punto chiaramente, ma dato che sono un pensionato e mia moglie con figli sono a carico potete immaginare ..

In caso di rateizzazione di precedenti bollette, non pagando le rate si rischia di essere sottoposti, nel medio termine, alla procedura di disattivazione o sospensione della fornitura di acqua acqua al punto di consegna: il gestore è autorizzato ad agire nei casi previsti di morosità dell’utente finale.

La fornitura non può essere sospesa, né disattivata alle utenze “non disalimentabili”, che sono:

– le utenze ad uso domestico residente che beneficiano del bonus acqua;
– le utenze ad “uso pubblico non disalimentabile” quali, ad esempio, scuole, ospedali, strutture militari o di vigilanza, carceri, bocche antincendio.

Con la costituzione in mora il gestore deve offrire al cliente moroso un piano di rateizzazione. Per aderire alla rateizzazione l’utente deve pagare la prima rata almeno cinque giorni prima della data indicata nella costituzione in mora come termine ultimo di pagamento.

Il piano di rateizzazione deve avere una durata minima di 12 mesi, con rate non cumulabili di frequenza pari a quella della fatturazione, salvo diversi accordi tra le parti.

In altre parole, il gestore del servizio idrico è tenuto ad offrire un piano di rientro, per bollette monstre, di dodici mesi. Non è obbligato ad aumentare la durata del piano.

18 Febbraio 2022 · Giovanni Napoletano

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 177 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Morosità nella fornitura idrica ed interruzione o sospensione del servizio. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.