Mobilio di valore in appartamento donato – Come ottenerne la restituzione?

Nel 2014 ho donato l’appartamento dove vivevo a mio figlio senza usufrutto, nell’atto dimenticai di far trascrivere che tutto il mobilio (di un certo valore) e tutti i miei oggetti personali ancora presenti nell’appartamento erano miei. Siccome non intercorrono buoni rapporti fra di noi, vorrei sapere se a distanza di questi anni posso richiederne la restituzione. Grazie

L’articolo 2037 del codice civile stabilisce che chi ha ricevuto, anche in buona fede, una cosa determinata è tenuto a restituirla: se la cosa è deteriorata per l’utilizzo o è andata distrutta, e colui che l’ha ricevuta era in buona fede (suo figlio), chi l’ha data non ha diritto al risarcimento del danno da deterioramento o distruzione.

Tuttavia, chi ha dato la cosa e ne richiede la restituzione, deve avviare un contenzioso giudiziale e dimostrare la proprietà della cosa in possesso di chi l’ha ricevuta in buona fede.

Il termine prescrizionale del diritto alla restituzione è decennale.

Insomma, qualora anche riuscisse a dimostrare la proprietà della cosa, al tempo della discussione in udienza suo figlio potrebbe argomentare che la cosa non era più adatta all’utilizzo, dal punto di vista funzionale o anche estetico, oppure che si è deteriorata per il continuo utilizzo e per questo motivo è stata smaltita come rifiuto e sostituita da altra. A meno che lei non chieda un accertamento preventivo urgente al giudice, finalizzato ad accertare l’attuale detenzione delle cose da parte di suo figlio nonché l’inventario delle cose e le condizioni delle stesse.

1 Settembre 2021 · Rosaria Proietti



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti