Minimo vitale nel pignoramento della pensione – Per cortesia facciamo chiarezza

Argomenti correlati: ,

Non ho ancora ben chiaro da quale base parte l’impignorabilità da parte della agenzia delle entrate per debiti fiscali con cartelle in notifica. Alcuni mi dicono che non possono pignorare partendo dall’importo della pensione minima (es. 900 euro mensili – 500 euro) totale pignorabile 400 euro da cui bisogna calcolare un quinto (80 euro). Altri calcolano il minimo vitale non pignorabile
calcolando la pensione minima + la metà (circa 700 euro)( es. 900 euro mensili-700 euro)totale pignorabile 200 euro di cui si calcola un quinto(40 euro). Altri invece calcolano un quinto diretto su 900 euro (- 180 euro). Sono debiti ADE. Per cortesia mi fate chiarezza?

L’articolo 545 del codice di procedura civile dispone, tra l’altro, che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dallo stesso articolo del codice di procedura civile, nonché dalle speciali disposizioni di legge.

Da gennaio 2020, l’importo massimo dell’assegno sociale ammonta a 459,83 euro: la pensione potrà essere pignorata presso l’INPS, solo per l’importo eccedente 689,74 euro, dal momento che il minimo vitale è pari all’importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà. Il minimo vitale è, cioè, pari a 689,74 euro.

Quindi se la pensione (al netto delle trattenute fiscali ed al lordo di una eventuale rata finalizzata al rimborso di un prestito per cessione del quinto) è pari a mille euro, la quota prelevabile per pignoramento verso INPS, per debiti esattoriali ed ordinari, sarà data da 20/100 * (1000 – 689,74) euro = 62 euro circa.

Se vogliamo dirla in altro modo, al quinto della pensione di mille euro (200 euro) si toglie il quinto del minimo vitale (138 euro circa) e si arriva, così, ad un prelievo consentito di 62 euro circa.

Invece, le somme dovute a titolo di pensione, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate (pignoramento verso la banca) per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale (1.379,49 euro). Questo vale, tuttavia, quando c’è un pignoramento del conto corrente dove viene accreditata la pensione.

30 Ottobre 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento della pensione che eccede il minimo vitale
Percepisco una pensione netta di euro 1500 e di cui pago un prestito quinto di euro 230 e quindi rimangono circa 1250 euro . Tra qualche mese subirò un pignoramento della pensione per un prestito personale che non ho potuto onorare per motivi vari. Considerando il minimo vitale per legge e quantificando il restante pignorabile gravato da importo come quinto, quale somma potranno pignorare? ...

Il decreto legge che introduce l'impignorabilità del minimo vitale per la pensione è retroattivo?
Mio padre percepisce una pensione netta di circa 2000 EUR dalla quale viene pignorato dal 2014 esattamente 1/5 da una banca. Mia madre percepisce un pignoramento di 1/5 sul suo stipendio di 1300 euro dal 2014. La mia questione e´semplice, il nuovo ultimo comma del 545 c.p.c prevede "Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto ...

Pignoramento pensione Enasarco da parte di Equitalia - Vale sempre l'impignorabilità del minimo vitale?
Ho ricevuto un atto di pignoramento prezzo terzi da parte di Equitalia nei confronti di Enasarco che mi eroga la mia (povera) pensione di 38€ mensili. Sul provvedimento c'è scritto che in caso di pensione sotto i 2.500 €, il massimo pignorabile è un decimo. Questa pensione viene accreditata ogni due mesi tramite bonifico bancario. La mia domanda è: si applica anche ai pignoramenti eseguiti da Equitalia con la riscossione esattoriale i limiti previsti dall'art. 545 commi 6 e 7 (quindi l'impignorabilità fino all'assegno sociale aumentato della metà)? Che consigli avete in questo caso specifico? Devo contattare Enasarco? O Enasarco ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Minimo vitale nel pignoramento della pensione – Per cortesia facciamo chiarezza