Mantenimento percepito dall’ex coniuge divorziato – Bisogna dichiararlo al fisco?

Argomenti correlati:

Volevo chiedere e capire come mi devo comportare in caso di assegno di mantenimento che percepisco dal mio ex coniuge: ogni mese con un vaglia io ricevo un assegno dal mio ex coniuge. Non ho altro reddito, non ho nessuna pensione non avendo mai lavorato e ho un età che non mi permette di lavorare e ho anche un aneurisma in corso certificato da un professore che mi tiene in cura per ingrassamento vena aorta ascendente e discendente, ma per non fare un’immensa trafila tramite ospedali certificati ho rinunciato all’invalidità.

La mia domanda è questa: devo dichiarare il solo reddito percepito dall’assegno del mio ex coniuge avendo solo quello? abito e ho residenza insieme a mio figlio che lavora regolarmente, questo per dire che non ho neanche una casa. Quel reddito va dichiarato lo stesso?

L’assegno percepito dall’ex coniuge è assimilabile a reddito da lavoro dipendente, e pertanto va dichiarato al fisco con il modello Persone Fisiche, a meno che il percettore non risulti esonerato.

I casi di esonero sono individuati nella tabella che segue:

casi di esonero

E’ importante dichiarare il reddito percepito sia per evitare sanzioni, sia perché il diritto alla reversibilità della pensione, in caso di premorienza dell’ex coniuge beneficiario, si acquisisce solo in presenza di un assegno divorzile.

28 Gennaio 2020 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Al coniuge divorziato titolare di assegno divorzile spetta anche il 40% del TFR percepito dal coniuge obbligato
Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto titolare di assegno divorzile, ad una percentuale del trattamento di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, anche se l'indennità viene a maturare dopo la sentenza. Tale percentuale è pari al quaranta per cento del TFR totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio. Ai fini del calcolo della percentuale spettante al coniuge divorziato titolare di assegno ...

Pensione di reversibilità e ripartizione fra la vedova e il coniuge divorziato
Volevo sapere quali sono le condizioni per avere la pensione di reversibilità del coniuge divorziato, tenendo conto che il coniuge si e risposato dopo il divorzio. Dopo il divorzio non ho percepito assegno di mantenimento ma se ho capito bene è possibile chiederlo anche dopo. Ho una figlia studente di 21 anni. ...

Assegno divorzile: cosa accade quando il coniuge divorziato forma una nuova famiglia, anche di fatto » Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne non convivente
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Il relativo diritto non entra in stato di sospensione, ma resta definitivamente escluso. Infatti, la formazione di una famiglia di fatto come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell'individuo é espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, che si caratterizza per l'assunzione piena del rischio di una cessazione ...

Dove mi trovo?