Locazione parziale breve della propria unità abitativa al figlio: è lecita?

Argomenti correlati:

Abito in una località turistica e avendo un appartamento abbastanza ampio per questo mese di Agosto (di preciso per 28 giorni) vorrei locare parzialmente casa ad uno dei miei figli. So che la legge concede questa possibilità di affitto parziale dell’abitazione principale. Quello che invece mi domando, è possibile locarla ad un figlio oppure dato il vincolo familiare la cosa all’ADE potrebbe apparire come anomala esponendomi ad accertamenti? Un genitore può locare ad un figlio?

Dal punto di vista fiscale la materia della locazione breve è regolata dall’articolo 4 del decreto legge 50/2017: la durata del contratto non può superare i 30 giorni, il regime fiscale di imposta sul reddito da locazione percepito dal locatore è quello della cedolare secca.

Per quanto riguarda la locazione parziale è possibile utilizzare un contratto libero di locazione ove il canone viene concordato tra le parti senza alcun vincolo particolare. Nel contratto andranno anche indicati i criteri di ripartizione delle utenze e delle spese indivisibili (acqua, gas, energia elettrica, Tari, Tasi, spese condominiali).

Di solito, ai figli viene concesso il comodato d’uso parziale o totale dell’appartamento di proprietà dei genitori. Con un contratto di locazione breve e parziale dell’unità abitativa stipulato fra padre e figlio, lo Stato incassa l’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali sul reddito da locazione dell’immobile percepito dal genitore (cedolare secca).

18 Maggio 2020 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Due famiglie anagrafiche conviventi nella medesima unità abitativa - Nuclei familiari e reddito di cittadinanza
Il mio nucleo familiare e stato di famiglia è composto solo dalla scrivente e da mio figlio minorenne: sono divorziata da oltre un anno e residente con mio figlio in un alloggio comunale ed ho già avuto dall'INPS il mio relativo ISEE / 2019. La domanda è questa, assieme a me convive un altro uomo, nel caso prendesse la residenza nel mio stesso appartamento, questo soggetto è considerato "nucleo familiare" a sé stante e potrebbe avere un suo ISEE allo scopo di ottenere un suo reddito di cittadinanza? ...

Reddito di cittadinanza - Che succede se in corso di fruizione di RDC prende la residenza, presso l'unità abitativa che occupo, una nuova coinquilina?
Scrivo in merito ad una problematica legata al reddito di cittadinanza di cui sono beneficiaria dallo scorso novembre. Sono una ragazza di 27 anni,in affitto,pago un canone mensile che divido con la mia coinquilina,non sono dunque proprietaria dell'immobile ma ne ho acquisito comunque da diverso tempo la residenza. Recentemente ho realizzato che anche la mia coinquilina ha fatto domanda per il trasferimento di residenza —dopo aver ottenuto io il beneficio rd c— (dico "realizzato" perché sapevo della sua intenzione di voler trasferire la residenza, prima o poi, ma non mi ha avvisata quando poi ha deciso di farlo). Alla luce ...

Convivenza more uxorio - l'erede non può estromettere dall'unità abitativa la compagna del defunto
Il codice civile definisce lo spoglio come l'azione finalizzata a privare qualcuno, anche in modo violento o occulto, della disponibilità di un bene, immobile o mobile, anche semplicemente detenuto (non è necessaria la titolarità del possesso) escludendo solo il caso in cui la detenzione del bene sia conseguente a motivi di servizio o di ospitalità. Come rimedio all'azione di spoglio è prevista quella di reintegrazione nel possesso o nella detenzione (azione possessoria) del bene da cui si è stati spogliati, attraverso il ricorso al giudice. La convivenza more uxorio, quale formazione sociale che dà vita ad un consorzio familiare, determina, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Locazione parziale breve della propria unità abitativa al figlio: è lecita?