Licenziamento e addebiti in busta paga ed indennità di fine rapporto per cessione del quinto, prestito delega e finanziamenti personali

Sono un incentivato ad esodo da 2 mesi e rotti, firmato fine ottobre 2018 e andrò in pensione con quota 100 fra due anni, dicembre 2021: sulla somma che a brevissimo mi verrà erogata dal datore di lavoro ho due trattenute, quinto e delega, e da circa un mese e rotti sono subissato da telefonate e raccomandate da parte di una finanziaria, alle quali non rispondo perché so che il datore di lavoro fa veci di sostituto d’imposta ed è responsabile di eventuali decurtazioni da fare al mio incentivo, per conto mio.

So che per legge il datore di lavoro deve con tutte le somme a me spettanti per esodo, liquidare tutte le varie pendenza, ma finora però non l’ha fatto e mi viene il sospetto che potrebbe non farlo. Dato che l’occasione ma sopratutto il bisogno per vivere decentemente e serenamente, rende l’uomo ladro, nel caso i benefattori della finanziaria non vengano soddisfatti nelle loro richieste (e se il sottoscritto nel frattempo riceve i danari e magicamente li fa sparire dal cc) corro rischi di tipo penale? Galera?

O sarò semplicemente inseguito da quando saro’ pensionato (ora ho 40 anni di contributi, non lavoro e neppure ho intenzione di lavorare) fino alla morte?

Tenete presente che ho solo un cc intestato con mia moglie ove le giunge la sua pensione di inabilita’ al lavoro di euro 700) e null’altro, neppure libretti o affini.

Il datore di lavoro deve sicuramente rispettare gli impegni assunti contrattualmente con il cessionario del quinto dello stipendio e per il rimborso del prestito per il quale è stato delegato al pagamento.

Tuttavia non ha alcun obbligo vero terzi creditori personali del lavoratore dipendente, a meno che il creditore insoddisfatto non si sia attivato per tempo con azione esecutiva di pignoramento dello stipendio.

Per il resto, tenga presente che il conto corrente cointestato con il coniuge non debitore, può essere pignorato fino al 50% del saldo attivo, e, inoltre, che la finanziaria creditrice potrà ottenere il pignoramento della pensione appena lei comincerà a percepirla.

Pertanto, non è scontato che la finanziaria creditrice insoddisfatta debba limitarsi ad inseguirla con semplici contatti telefonici.

9 Gennaio 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il debitore va in pensione (anticipata) con quota cento - Come verrà rimborsato il debito residuo da cessione del quinto, da delega di pagamento e da pignoramento che gravano in busta paga?
Sono un pubblico dipendente e sto per andare in pensione con quota 100: sulla busta paga gravano una cessione del quinto dello stipendio, una delega di pagamento di un quinto e un pignoramento. Cosa succede se vado in pensione? ...

Debiti pregressi in busta paga per cessione quinto e prestito delega - Come vengono rimborsati dopo il passaggio in pensione?
Sono andato in pensione dal primo agosto 2019, sulla busta paga ASL pagavo due rate per cessione quinto e delega di pagamento pari circa ad un quinto anche esso. Ad oggi sulla mia pensione non mi è stata ancora addebitata nessuna rata per il debito delle due cessioni. Con gennaio 2020 sono già sei le rate arretrate. La ASL da cui dipendevo a maggio 2019 ha inviato all'INPS solo la copia del mio contratto di cessione quinto. In questi ultimi giorni ho ricevuto dall'Istituto creditore due raccomandate per conoscenza, indirizzate all'INPS, con oggetto ritenute su pensione. Praticamente chiedono all'INPS di ...

Pignoramento dello stipendio nella misura di un quinto laddove preesistono cessione del quinto e prestito delega - Non dovrebbe esserci capienza solo per un prelievo di un decimo dalla busta paga?
Ho appena ricevuto un pignoramento in busta paga pari a un 1/5, avendo già da prima contratto una cessione del quinto ed una delega di pagamento anch'esse pari ad 1/5 ciascuna, per cui mi ritrovo adesso con 3/5 dello stipendio trattenuto cioè pari al 60% della retribuzione netta. La mia domanda è: per legge non dovrebbero lasciare un minimo del 50% dello stipendio? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Licenziamento e addebiti in busta paga ed indennità di fine rapporto per cessione del quinto, prestito delega e finanziamenti personali