Quietanza liberatoria a fronte di accordo transattivo a saldo stralcio – Le garanzie per il debitore

Come considerare valida la liberatoria da parte del creditore e se dopo averla firmata chi mi assicura che non mi vengano richieste altre somme in denaro?

La trattativa a distanza e gli accordi circa le modalità di trasmissione della quietanza liberatoria (da creditore a debitore) e della somma pattuita per chiudere il contenzioso (da debitore e creditore) si basano sulla reciproca fiducia, che non può mancare fra i due contraenti.

L’alternativa è quella di stabilire un incontro di persona fra i due contraenti: il debitore porterà con sé un assegno circolare non trasferibile intestato alla società cessionaria, mentre la controparte esibirà (consegnandone copia) delega a trattare, documento di identità, nonché attestazione dell’intervenuta cessione del credito a favore del soggetto giuridico con cui si sta transando a saldo stralcio e apporrà in loco la firma alla quietanza liberatoria redatta su carta intestata della cessionaria legittimata a riscuotere. Della serie, per capirci, se tu pagare moneta vedere cammello, se tu non pagare moneta non vedere cammello.

L’articolo 1236 del codice civile dispone, poi, che la dichiarazione del creditore di rimettere parte del debito estingue l’obbligazione. In pratica, il creditore può dichiarare di rinunciare alla differenza fra quanto versato dal debitore e quanto da quest’ultimo originariamente dovuto per effetto dell’accordo transattivo a saldo stralcio concluso fra le parti. Al debito residuale, in tale ipotesi, ci si riferisce come al “debito rinunciato”.

Raccomandiamo sempre al debitore, per evitare spiacevoli sorprese, come quella di vedersi recapitare ulteriori richieste in denaro per il debito residuo o restare segnalato in centrale rischi per la debenza dello stesso, l’esigenza di far dichiarare esplicitamente, nella quietanza liberatoria, la rinuncia del creditore, ai sensi dell’articolo 1236 del codice civile, alla differenza tra importo dovuto e importo corrisposto.

28 Dicembre 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Saldo e stralcio accettato, ma la quietanza liberatoria?
Dopo aver concordato un piano di rientro con l'ente creditore attraverso una società di recupero UNIREC, ho un dubbio che vorrei sanare prima di procedere al bonifico. Nella lettera di accettazione non c'è scritta la parola liberatoria da nessuna parte. E' normale? Il testo della lettera comprende: . i miei dati . i dati del creditore . la somma da versare (specificando "saldo e stralcio della maggiore esposizione") . minacce velate sul "se non paghi procediamo per vie legali" . la clausola "l'accordo non costituisce novazione del credito". Cosa mi consigliate? Devo richiedere, prima di pagare, un documento che "promette" ...

Accordo saldo a stralcio - Come redigere una quietanza liberatoria?
A settembre 2011 sono riuscito ad ottenere un prestito con una finanziaria per 6.000 euro: il piano di rimborso (comprensivo degli interessi) era quinquennale con rate da circa 130 euro. Nel 2013 purtroppo, ho perso il lavoro e ho preferito, con i pochi soldi disponibili (prestiti di parenti e aiuti da amici) pagare il mutuo e le bollette. Sono stato iscritto in Crif nel 2014. Successivamente, il mio debito è stato ceduto ad una società di recupero crediti. Con la stessa, quest'anno, ho raggiunto un accordo saldo e stralcio per circa 1500 euro. Il problema è che nella redazione della ...

Accordo transattivo e pagamento debito a saldo stralcio con piano di rientro rateale - L'importanza di fare riferimento, nella liberatoria, al debito residuo rinunciato
Avrei da chiederVi alcuni chiarimenti: ho raggiunto un accordo con banca IFIS (che ha acquistato i debiti che avevo dalla banca originaria) che ha accettato la mia proposta di pagamento di tre diversi finanziamenti. 1) totale debito 2.000 euro totale proposto 1.200 2) totale debito 5.000 euro totale proposto 3.500 3) totale debito 50.000 euro totale proposto 35.000. La banca ha accettato il pagamento delle somme proposte in pagamenti rateali che finirò di pagare tra 20 anni. Ovviamente mi è stato detto che al termine pagherò in totale 39.700 e che gli interessi sarannno bloccati e non avrò nessun problema ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quietanza liberatoria a fronte di accordo transattivo a saldo stralcio – Le garanzie per il debitore