Il legittimario che intende proporre azione di riduzione nei confronti dei coeredi e dei legatari deve accettare l’eredità con beneficio di inventario

Il legittimario che proponga contemporaneamente azione di riduzione nei confronti sia di coeredi sia di legatari, poichè chiede la riduzione di disposizioni testamentarie fatte a legatari e coeredi, deve accettare con beneficio di inventario?

Il legittimario leso (quello pretermesso non ha problemi di accettazione) che non ha accettato l’eredità col beneficio d’inventario non può chiedere la riduzione delle donazioni e dei legati, salvo che le donazioni e i legati siano stati fatti a persone chiamate come coeredi.

E’ quanto stabilisce l’articolo 564 del codice civile.

La ratio della norma può individuarsi nella considerazione che imporre l’accettazione beneficiata all’erede che voglia agire in riduzione contro i non coeredi (quindi costringendolo ad inventariare i beni lasciati dal de cuius) è un modo per tutelare legatari in successione e donatari in vita, consentendo loro di conoscere l’ammontare dell’eredità e, quindi, della quota disponibile.

8 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Possibile l'azione di riduzione per fideiussione prestata dal de cuius a favore di uno dei coeredi?
Può esperire l'azione di riduzione un legittimario qualora il de cuius abbia contratto in vita una fideiussione bancaria a favore di un altro legittimario e che per effetto della successione dalla Banca viene imputata al primo? ...

Successione ereditaria - Azione di riduzione dei legati promossa dal legittimario leso
Il legittimario leso che agisce in riduzione per chiedere la riduzione dei legati lasciati con testamento a più persone, deve obbligatoriamente chiedere la riduzione proporzionale di tutti i legati anche se uno dei legati supera la quota disponibile? si riducono in questo caso sempre tutti? ...

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il legittimario che intende proporre azione di riduzione nei confronti dei coeredi e dei legatari deve accettare l’eredità con beneficio di inventario