Il socio di una srl che ha prestato fideiussione per la società può fruire dei benefici della legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento?

Salve sono un socio amministratore di una srl, purtroppo ho contratto un mutuo dove ho rilasciato fideiussione personale. La società dopo la morte del mio socio, non lavora più, non ha più entrate e non potrò più pagare le rate, naturalmente non ho la liquidità personale coprire il debito. Posso usufruire della legge antisuicidio? Se si come? Grazie

Il debitore in stato di sovraindebitamento può proporre ai creditori, con l’ausilio degli organismi di composizione della crisi con sede nel circondario del tribunale territorialmente competente, un accordo di ristrutturazione dei debiti che preveda scadenze e modalità di pagamento dei creditori, indichi le eventuali garanzie rilasciate per l’adempimento dei debiti e le modalità per l’eventuale liquidazione dei beni.

Il piano può anche prevedere l’affidamento del patrimonio del debitore ad un gestore per la liquidazione, la custodia e la distribuzione del ricavato ai creditori.

Ai fini dell’omologazione dell’accordo è necessario che esso sia raggiunto con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti. I creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca per i quali deve essere previsto l’integrale pagamento, non sono computati ai fini del raggiungimento della maggioranza e non hanno diritto di esprimersi sulla proposta.

Ne discende che, qualora, come nella fattispecie, il creditore sia unico, la legge risulti praticamente inapplicabile, dal momento che sarebbe sufficiente perfezionare un semplice accordo transattivo a saldo stralcio fra le parti.

Il debitore ha anche la facoltà di proporre un piano, detto del consumatore, che non richiede l’accordo dei creditori, ma può essere omologato dal giudice se ravvisa i presupposti. Tuttavia, per consumatore, nel contesto normativo, si intende il debitore persona fisica che ha assunto obbligazioni esclusivamente per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta.

29 Gennaio 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti con INPS, Comune di residenza ed Agenzia delle Entrate - Posso fruire della legge 3/2012 (salva suicidi) sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento?
Sono un cittadino straniero residente in italia da 1999 e ho regolare permesso di soggiorno, sono nullatenente e convivo con la mia compagna, italiana. Da 6 anni ho un'attività commerciale di servizi inquadrata come ditta individuale. Ho pagato finché ho potuto INPS e imposte (sono in regime dei minimi), ma dal 2016 non ho potuto più pagare, in quanto gli affari non vanno bene e ho deciso di chiudere l'attività. Non ho debiti con altri creditori ad eccezione dell'imposta comunale sui rifiuti che non pago da tre anni, il debito totale (INPS, Agenzia Entrate e Comune), ammonta a circa 8 ...

Procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento (ex legge 3/2012 - salva suicidi) per il socio accomandatario di una società in accomandita semplice
Sono socia accomandante (al 50%) di una piccola Sas: d'accordo con il mio socio, dopo 13 anni, abbiamo deciso di chiudere l'attività (negozio abbigliamento) perché il volume d'affari si era progressivamente ridotto e di conseguenza anche di chiudere anche la società. La società ha contratto nel tempo alcuni debiti, tra cui un mutuo con garanzia ipotecaria, un mutuo chirografario e scoperto di conto corrente. Nonché è in arretrato di tre anni con il pagamento dei contributi Inps del socio accomandatario. Tutti i debiti contratti con le banche sono stati da me garantiti con fidejussione personale, avendo uno stipendio da lavoratore ...

Legge sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento per il debitore non professionista
Ho debiti verso 2 finanziarie per 2 prestiti personali e due carte di credito che, per gravi problemi economici non posso più pagare, pur avendo uno stipendio. Illustro la situazione debitoria: 50 mila euro con rata da 750 euro, 8 mila euro con rata da 130 euro; e debiti di 2000 e 2500 euro per carte di credito con rate da 80 e 100 euro. Inoltre mutuo con rata mensile di 500 euro, sempre pagato regolarmente (per fortuna almeno quello). Vorrei sapere come funziona la cosa, Lo stipendio è, al netto della cessione del quinto di 1400 euro mensili e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il socio di una srl che ha prestato fideiussione per la società può fruire dei benefici della legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento?