Legge 3/2012 e liquidazione del patrimonio – Fra i beni liquidabili può essere compresa anche una vecchia utilitaria?

Mi sto informando per aderire alla legge 3/2012 in quanto ho problemi con le finanziarie e credo che il piano liquidazione sia la proposta migliore e forse l’unica attuabile e omologabile.

No crif, no CR, no protesti, no contenzioni insomma nulla, ho sempre pagato tutto tuttavia causa separazione e ora che devo dare assegno di mantenimento ex Moglie (che non lavora) e figlio non ce la faccio più, ogni mese pagando tutto vado 300 euro sotto.

Prima di tutto voglio ringraziarvi per le ottime e gratuite informazioni. So, grazie ai vostri post che posso agire da solo, tuttavia preferisco appoggiarmi a un legale che abbia già avuto esperienza con la suddetta legge.

Per ora ho sentito un’agenzia: hanno dei costi allucinanti, spropositati tipo 9000 euro di parcella e non mi hanno nemmeno saputo chiarire un dubbio sul mio veicolo, sembravano più dei procacciatori per i veri avvocati che uno studio vero.

Ora sto attendendo appuntamento con altri 2 avvocati per un preventivo, se sono proibitivi anche questi questo procederò da solo.

Non ho immobili, né altro, solo reddito e tfr.

Ho solo una vettura con un valore di 5000 euro una semplice utilitaria che mi serve per andare a lavoro, questa secondo voi può rientrare nei beni impignorabili o possono prendermela ?

Non credo che lei possa chiedere l’applicazione della legge 3/2012 attraverso l’opzione di liquidazione del patrimonio, dal momento che l’unico bene in suo possesso è una vecchia utilitaria che pur essendo pignorabile, non verrà mai messa all’asta da un creditore che intenda promuovere azione esecutiva nei suoi confronti. Le spese di procedura supererebbero, molto verosimilmente, il ricavato della espropriazione.

Applicazione più realistica delle legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento è, nel suo caso, l’istanza giudiziale di omologazione di un piano del consumatore, laddove potrà chiedere al giudice di poter soddisfare tutti gli attuali creditori con una rata complessiva mensile di importo inferiore al quinto stipendiale (altrimenti, tanto vale attendere un eventuale pignoramento dello stipendio).

Per finire, nella ricerca del professionista da cui farsi assistere nel redigere e presentare un piano del consumatore ex legge 3/2012, potrebbe rivolgersi ad un organismo per la composizione delle crisi da sovraindebitamento (OCCS) registrato nell’apposito albo tenuto presso il Ministero della Giustizia.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia dove è possibile reperire l’elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ottenere adeguata assistenza nella presentazione di un piano del consumatore presso il Tribunale territorialmente competente.

21 Settembre 2020 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accordo con i creditori ex legge 3/2012 (salva suicidi) - Il creditore ipotecario che può essere soddisfatto integralmente non può votare l'accoglimento della proposta del debitore
La proposta di composizione della crisi da sovraindebitamento tramite accordo con i creditori che rappresentano almeno il 60% dell'esposizione passiva, presentata dal debitore, può prevedere che i crediti muniti di privilegio, pegno o ipoteca siano soddisfatti in misura non integrale, solo allorché ne sia assicurato il pagamento in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o ai diritti sui quali insiste la causa di prelazione, come attestato dagli organismi di composizione della crisi ai sensi dell'articolo 7 della legge 3/2012. Solo ...

Legge 3/2012 salva suicidi - Gli OCCS non fanno preventivi via e-mail
Vorrei sapere per un debito di 40 mila euro cosa verrebbe a costare intraprendere la strada piano del consumatore: (è il debitore, ovvero il privato cittadino, a proporre un piano di pagamento rateizzato dell'importo dovuto ai creditori; la proposta dovrà essere approvata dal Giudice); ho contattato l'OCC del tribunale di Genova la risposta e l'unica che ho ricevuto è stata quuesta Egregio signor X, credo che il Suo problema possa essere risolto ma con così pochi elementi non posso fare affermazioni. Se ritiene voler approfondire l'argomento potrà rivolgersi all'OCC e chiedere un appuntamento per verificare la Sua situazione. Nell'occasione cordiali ...

Legge 3/2012 (salva suicidi) - Come funziona il piano del consumatore?
A proposito della Vostra risposta precedente, vorrei chiedere: Quindi i debiti che sto regolarmente pagando cioè mutuo, cessione del quinto e prestito delega, non possono essere inseriti nella richiesta di ristrutturazione del debito? Vi chiedo ciò in quanto tra tutti e tre questi finanziamenti io pago circa 850 euro e, mi rimangono al mese circa 800 euro netti, per cui non potrei sostenere altre rate, tant'è che ho dovuto interrompere gli altri pagamenti perché non mi restava niente al mese per vivere. Io pensavo che sarebbero potuti rientrare tutti i debiti e avere un'unica rata di circa 850 euro (quanto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Legge 3/2012 e liquidazione del patrimonio – Fra i beni liquidabili può essere compresa anche una vecchia utilitaria?