La Centrale Rischi privata CRIF e quella pubblica CR della Banca d’Italia – Ulteriori chiarimenti


Nella CRIF non esiste il concetto di sofferenza per crediti non rimborsati, così come inteso e regolato nella Centrale Rischi (CR) della Banca d'Italia

Nel quesito trattato ieri, voglio precisare che in CR la sofferenza non dovrebbe più essere rinnovata a partire da dicembre 2022 come chiarito dallo staff.

In Crif nonostante la chiusura del contenzioso il dato rimane con il codice S nella sezione PRESENZA EVENTI RILEVANTI ed e’ rimasto aggiornato a NOVEMBRE 2022 . Fermo restando che tutto e’ partito da una carta di credito il cui contratto e’ scaduto a dicembre 2015 e che il conto corrente dove lo scoperto di conto relativo alla carta , e’ rimasto aperto fino alla definizione del contenzioso nonostante la banca abbia nel 2015 e successivamente 2020 inviatomi raccomandata con avviso di chiusura entro 60 giorni.questo comportamento mi fa pensare che il dato presente in CRIF e’ stato trattato erroneamente .

Nel precedente intervento abbiamo scritto che, se il contratto di carta di credito è stato chiuso, unilateralmente, il 31 dicembre 2015 i dati negativi presenti nella CRIF (nella CRIF e non in CR) sarebbero stati oscurati a partire del 31 dicembre 2018 (tre anni dalla chiusura del rapporto di credito).

Quindi in CRIF i dati negativi avrebbero dovuto essere oscurati nel dicembre 2018.

Nella Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia, invece, le segnalazioni di sofferenza vengono perpetuate fino alla cessione del credito, alla iscrizione a perdita dell’intero credito (cosa che avviene quasi mai, perchè di solito i creditori iscrivono a perdita il credito lasciando un residuo di 251 euro, cosa che gli consente di mantenere il debitore segnalato in CR o di cedere il residuo), oppure fino al rimborso del credito.

Può darsi che il dato in CRIF sia stato trattato erroneamente: quello che è certo e che la sua posizione di cattivo pagatore verrà oscurata in CR nel novembre 2025.

Due sono le cose che non quadrano nella sua esposizione dei fatti: la banca, in presenza di violazioni contrattuali, può chiudere il rapporto di conto corrente unilateralmente, non ha bisogno del consenso del cliente. Inoltre le posizioni in sofferenza si trovano classificate solo nella CR Banca d’Italia e non nella CRIF. Sono proprio le sofferenze che consentono di continuare a segnalare la posizione di insolvenza vita natural durante, senza alcun limite di tempo così come invece stabilito dal Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati (come la CRIF) in tema di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti.

Il suggerimento è di effettuare visure sia in CRIF che in CR: in CRIF non dovrebbero essere censite posizioni a suo nome, in CR, invece, fino al novembre 2025 dovrebbe essere censita una posizione negativa con a latere annotazione di rimborso a saldo stralcio effettuato nel novembre 2022.

17 Gennaio 2023 · Ornella De Bellis

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » La Centrale Rischi privata CRIF e quella pubblica CR della Banca d’Italia – Ulteriori chiarimenti. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.