Isee università per figlio di genitori separati - ulteriori precisazioni

In riferimento a questa discussione, chiedo se il figlio maggiorenne risiede con la madre che possiede esclusivamente il reddito dato dagli "alimenti", continua a rimanere a carico solo della madre?

Non vorrei che io padre separato possa essere considerato parte "attratta" (credo si dica così) per l'isee.

E quindi Le chiedo cosa si dovrà evitare di inserire negli accordi della separazione perchè il figlio risulti esclusivamente a carico della madre convivente.

Un altro aspetto, non potendo la madre portare in detrazione le spese per il figlio (università, salute, ecc., avendo come unico reddito gli assegni da me versati), potrei farlo io?

In quale percentuale?

Cambierebbe qualcosa ai fini isee?

Vanno separati i due aspetti, uno puramente fiscale (che emerge al momento della dichiarazione dei redditi) e l'altro relativo ad accertare il diritto di accesso ai benefici di sostegno al reddito (riguardanti, ad esempio, la possibilità di pagare le tasse uiversitarie in misura ridotta).

Per poter accedere ai benefici previsti per l'accesso alle prestazioni universitarie, lo studente produce la Dichiarazione Sostitutiva Unica per l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l'Università, ovvero la DSU ISEEU. In base al reddito ISEEU del nucleo familiare di appartenenza si stabilisce se lo studente abbia o meno diritto alle agevolazioni. In una situazione in cui i genitori risultano separati, con un coniuge obbligato al versamento dell'assegno di mantenimento a favore dell'altro, il nucleo familiare dello studente è determinato dalla sua residenza. Nel caso in esame, madre e figlio costituiscono un nucleo familiare autonomo, da cui il padre è escluso.

Veniamo agli aspetti fiscali. Vanno considerate innanzitutto le detrazioni per il figlio fiscalmente a carico, cioè il figlio privo di reddito (o con reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili).

Come abbiamo visto nel precedente post, i genitori possono decidere di comune accordo di attribuire l'intera detrazione al genitore con reddito complessivo più elevato; tale possibilità permette di fruire per intero della detrazione nel caso in cui uno dei genitori abbia un reddito basso e quindi un'imposta che non gli consente di fruire in tutto o in parte della detrazione.

Poi ci sono le altre detrazioni, che possono essere portate in dichiarazione dei redditi, relative alle spese detraibili sostenute per il figlio; tipicamente quelle scolastiche (detrazioni per le tasse universitarie) e quelle sanitarie.

Ebbene, in mancanza di indicazioni specifiche, le spese mediche e quelle scolastiche vanno ripartite al 50% fra i genitori separati. Per operare in modo diverso, evitando di instaurare un contenzioso con l'Agenzia delle Entrate (o con qualche funzionario particolarmente zelante) conviene inserire nell'accordo di separazione una clausola esplicita che stabilisca la ripartizione percentuale di tali spese (e quindi delle relative detrazioni). Anche al 100% a carico di uno solo dei genitori.

12 febbraio 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

detrazioni fiscali
detrazioni per familiari a carico
ISEEU - ISEE per Università
nucleo familiare ISEE/ISEEU e famiglia anagrafica
redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione redditi » Come effettuare la detrazione delle spese dell'università
In materia di dichiarazione dei redditi, come effettuare la detrazione delle spese legate all'università? Vi forniamo una piccola guida. Nell'ambito della dichiarazione dei redditi le tasse universitarie possono essere oggetto di detrazione Irpef e consentono un risparmio fiscale del 19%. Per quanto riguarda gli atenei pubblici non ci sono limiti ...
Irpef - detrarre le spese di istruzione
Le spese sostenute per la frequenza ai corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria (compresi i corsi per il dottorato di ricerca) tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private, sono ammesse alla detrazione Irpef del 19%. È detraibile anche l'iscrizione agli anni ...
Diritto al rimborso delle spese straordinarie per il figlio effettuate dal coniuge affidatario nel caso di mancata concertazione preventiva con il coniuge obbligato
In materia di diritto al rimborso delle spese straordinarie effettuate dal coniuge affidatario non è configurabile, a carico di quest'ultimo, un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con il coniuge obbligato in ordine alla determinazione delle spese straordinarie (nella specie, stage e soggiorni all'estero per l'apprendimento della lingua inglese), ...
ISEE: l'immobile ora pesa di più » Ecco perché avere una casa di proprietà può essere un handicap
Isee: chi ha casa di proprietà sarà considerato benestante La prossima volta che presenterete il modello Isee per poter usufruire di qualche detrazione, potreste risultare, per lo stato, molto più ricchi, anche senza aver guadagnato un solo euro in più. È l'effetto del restyling dell'Isee che, come accennato in altri ...
Come effettuare un affidabile calcolo simulato dell'ISEE ordinario
E' stato rilasciato sul sito dell'Inps un nuovo applicativo che consente il calcolo simulato dell'ISEE ordinario. Lo strumento è stato elaborato per rispondere alle esigenze espresse da cittadini e soggetti istituzionali, a vario titolo interessati all'uso dell'ISEE come parametro di misurazione della situazione economica delle famiglie. Questa procedura offre la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca